Menu
+
Chiudi
giorgiogiunchi_pri

E’ morto Giorgio Giunchi, la memoria dell’Internet italiano

Giorgio ha lavorato tutta la vita per la crescita di Internet in Italia, per la diffusione di una vera cultura digitale. E con lui condivisi l’idea di creare una rete di campioni digitali

Giornalista, sono stato il primo direttore dell'edizione italiana di Wired e promotore della candidatura di Internet al Nobel per la Pace. Sono appassionato di "storie idee e persone che cambiano il mondo" e in particolare l'Italia. Dal settembre 2011 scrivo di innovazione su La Repubblica. Ho rubriche anche su Wired, Vanity Fair e Traveller. Il mio blog è su Il Post. Dal gennaio 2012 sono presidente di wikitalia, associazione che si propone di diffondere trasparenza, open data e partecipazione nella politica italiana usando la rete. Sono coordinatore dell'Innovation Advisory Board di Expo2015 e membro del board di Oxfam e di Building Green Futures. Di CheFuturo! sono il direttore responsabile.

E’ morto Giorgio, e siamo tutti più soli. Anche se non lo conoscevate. Anche se non sapete chi era. Lui stava lavorando per voi. Lo ha fatto per tutta la vita. Ha lavorato per la crescita di Internet in Italia. Per la diffusione  di una vera cultura digitale. Per la rivoluzione, per la rivoluzione bella e pacifica che in tanti fra noi sognano. Era un rivoluzionario, Giorgio Giunchi, uno vero. Del rivoluzionario aveva anche l’aspetto. La barba bianca, i capelli arruffati, gli occhi profondi e buoni. E un vocione allegro con cui maneggiava delle frasi spericolate, senza un vero centro, a volte difficilmente comprensibili che ti lasciavano comunque ammaliato. Scriveva anche così, esattamente come parlava, e fra noi che gli volevamo bene, dopo certi scambi di email piene zeppe di punti esclamativi e puntini di sospensione, MAIUSCOLE a raffica e spazi bianchi allusivi, c’era l’abitudine di chiederci con un sorriso affettuoso “ma tu l’hai letto Giorgio? Cosa avrà voluto dire stavolta?”. Oggi lo sappiamo: saggezza, la sua era autentica saggezza.

Lui con me è stato un fratello maggiore

In tanti gli abbiamo voluto bene ma del resto se lo conoscevi era impossibile non volergliene. Lui con me è stato un fratello maggiore. L’ho conosciuto grazie ad uno dei suoi amici più cari, Stefano Quintarelli. Cinque o sei anni fa volevo leggere, studiare, capire qualcosa della storia di Internet in Italia e Stefano mi disse: parla con Giorgio, lui sa tutto, ha creato l’archivio dell’Internet italiano. Era così, il suo sito, per quanto elementare nel design, è una miniera ineguagliabile di documenti, fotografie e interviste, molte fatte da lui stesso. Il tesoro che ha raccolto per tutti noi.

Divenimmo amici. Ma amici veri. Mi ha insegnato tantissimo. Anche se ci vedevamo poco in tutti i passaggi chiave della mia vita non solo professionale, lui c’era. Quando divenni Digital Champion, la prima persona con cui condivisi l’idea di creare una rete di campioni digitali fu lui (che infatti divenne uno dei tre garanti dell’associazione, con Flavia Marzano e Giorgio Ventre). E quando nel gennaio scorso Laura Abba mi disse che il 30 aprile ricorrevano i 30 anni della prima connessione italiana di Internet, chiamai lui per sapere tutto, per avere i contatti dei protagonisti e per farmi dare la risposta più importante: Vorrei farci un film, Giorgio, un documentario, che ne pensi? Mi disse sì, con tutto l’entusiasmo di cui solo lui era capace, ed è nato Login.

Come stanno i bambini, come sta il tuo cuore? Le nostre appassionate conversazioni sulla storia di Internet finivano sempre così, con lui che mi chiedeva della mia famiglia e mi invitava ad andarlo a trovare: “Devi venire su da me a bere del vino buono prima o poi”. Mannaggia a me che non l’ho fatto.

Ci siamo visti a Milano il 7 giugno, per l’inaugurazione di un evento che curavo a Foro Bonaparte, e lì ho capito

L’ho visto l’ultima volta il 7 giugno scorso a Milano. Sapevo che stava male. Molto male. Lo sapevo da qualche mese. “Lo sapete solo in due, non dirlo a nessuno”, mi aveva intimato il giorno di quella confessione telefonica. Lo sapevo ma fin quando non l’ho visto non ho davvero capito che stava così male. Perché lui minimizzava sempre, ti chiedeva sempre tu come stavi piuttosto, non voleva che mi preoccupassi per lui. Anzi, era sempre disposto a sostenere anche l’ultimo progetto che gli avevo proposto: facciamolo davvero l’archivio dell’Internet italiano, un sito facilmente navigabile con una timeline, e dentro tutti i documenti, anche i tantissimi che erano spuntati fuori durante le riprese di Login. “Voglio farlo con te, solo tu hai l’autorevolezza per lanciare e guidare questa cosa”. Anche allora mi aveva detto sì, anche se stava davvero male, anche se aveva pochi giorni da vivere.

Ci siamo visti a Milano il 7 giugno, per l’inaugurazione di un evento che curavo a Foro Bonaparte, e lì ho capito. Un signore magro, magrissimo e bianchissimo mi era venuto incontro: “Ciao Riccardo!!!”. Se non fosse stato per la voce, per quella sua voce inconfondibile, avrei stentato a riconoscerlo. Era Giorgio. La malattia lo aveva scavato ma non lo aveva domato. Era allegro e positivo come sempre. Ho appena finito il secondo ciclo, mi aveva detto, adesso inizia il momento peggiore ma se supero questo poi è fatta. In un bar parlammo dell’archivio che avremmo fatto sotto l’egida dell’Internet Society italiana e per questo a un certo punto chiamammo il presidente Stefano Trumpy. “Mi raccomando”, mi disse prima, “ricordati che nessuno deve sapere come sto”.

Mi chiese come sempre dei bambini. “Stanno crescendo Giorgio, mia figlia fatico a chiamarla bambina ormai anche se lo sarà per sempre per me”. Sapevo che mi capiva, lascia una figlia a cui era legatissimo. Sul portone di un palazzo di Foro Bonaparte ci siamo salutati per l’ultima volta. “Vieni stasera per Login?” gli ho chiesto. E per la prima volta mi ha detto no: “Sono davvero stanco, Ric, torno a casa a riposare ma sai che ci sono sempre per te”. Ci siamo abbracciati, lo facevamo sempre, ma stavolta l’ho stretto forte, ho sentito le sue ossa sulle mie, volevo fargli sentire quanto gli volevo bene e provare magari a trasferire un po’ di energia a lui che me ne aveva sempre dato tanta.

Ciao Giorgio, devo sempre venire a bere quel vino, gli ho detto.

Sono rimasto a guardarlo in silenzio.

Aveva degli occhi buonissimi.

Non mi ha detto nulla quella volta del vino, solo ciao con la mano.

E se ne è andato via, per sempre.

————————-

I funerali laici partiranno martedì 21/6 alle ore 13.30 dall’obitorio della Poliambulanza di Brescia, per poi spostarsi presso il cimitero di Sant’Eufemia per la cremazione

15 risposte a “E’ morto Giorgio Giunchi, la memoria dell’Internet italiano”

  1. Lina scrive:

    Grazie per avermi fatto conoscere Giorgio,sono addolorata, dalle tue parole emerge una figura importante, un uomo a tutto tondo…non mi sono mai sentita ignorante come in questo momento.

  2. Annamaria scrive:

    Che dire….quando muore un RIVOLUZIONARIO culturale il mondo mi sembra più vuoto.
    Non lo conoscevo ma se devo a lui tutto ciò io
    Gli dico grazie.

  3. Enio Moretti scrive:

    Ho conosciuto il Maestro Giorgio, così lo abbiamo sempre chiamato noi, circa vent’anni fa, un uomo di una cultura imbarazzante, l’uomo che voleva bene a tutti a prescindere, l’amico dalla compagnia facile, non potevamo salutarci senza addolorare un calice di vino, onesto e battagliero, pollici all’apparenza disinteressato ma con grande capacità di analisi…. Caro amico mio mci hai lasciato una grande eredità : la bontà d’animo. Questa è veramente una grande perdita. Ciao Amico !

  4. Angela scrive:

    Sto piangendo

  5. Riccardo scrive:

    Davvero un grande uomo… e buono… e saggio. Sapeva trasmettere serenità. Sapeva ascoltare perché voleva capire chi aveva davanti. L’ho conosciuto poco tramite amici, ma questo è ciò che ricordo.

  6. Silvano scrive:

    Ciao Giorgio. Deve essere stato dura per te sopportare e supportare tanti come me di intelligenza “normale”. Grazie

  7. Roberto Orlandi scrive:

    anni 70, volontà e competenza per cambiare la scuola. Adro e ovest bresciano: il tempo pieno come strategia per una nuova strada. Pioniere insieme ad altri maestri di una stagione ricca e straordinaria. Ciao

  8. Claudio Mondini scrive:

    Lo conobbi alla metà degli anni ’90 ed abbiamo sempre avuto uno splendido rapporto.
    Una grande persona , un vero amico !
    Quando generosità ed intelligenza sono le caratteristiche principali di una persona , non ce n’è per nessuno.
    Nessuno lo dimenticherà : ha lasciato un bellissimo ricordo a tutti !!!

  9. giuseppe metelli scrive:

    lo ricorderò sempre con affetto sincero

  10. sergio baresi scrive:

    Conoscevo il Maestro Giorgio da diversi anni seguiva la mie due figlie a scuola ,ora hanno 28 e 26 anni .Chiedeva sempre di loro quando lo incontravo…..l ‘ho sempre ritenuto un vero Maestro di vita, un fratello o un padre , un amico a cui confidare un problema …sono quelle persone che ti lasciano qualche cosa dentro.

  11. Roberto scrive:

    Era il mio vicino di casa. E ogni giorno lo incontravo, e aveva sempre qualcosa da dire…..di calcio , di politica …..tutto. Era una persona vera, boh non so cosa dire. Lacia un grande vuoto. Lo saluto come lui salutava sempre me e le mie bimbe. CIAO BELLISSIMO

  12. franco libretti scrive:

    Ho conosciuto Giorgio alla fine degli anni ottanta. L’ultima volta ci siamo incontrati un venerdi’ di due mesi fa’ in piazza a comprare il merluzzo e poi siamo andati a bere un bianco insieme parlando in po’ dei vecchi tempii e della “camerata” Maria. Era smagrito ma compagnone come sempre e non sapevo fosse ammalato. È’ morto in grande uomo , intelligente , colto e sopratutto estremamente buono con tutti . Ciao Giorgio mi mancherai

  13. Grazie per il bellissimo scritto, non conoscevo il Signor Giunchi … ma dopo quello che ho letto .. manca anche a me!!! Che la terra ti sia lieve .. Signor Giunchi …

  14. antonio zoccarato scrive:

    Ho avuto la fortuna di conoscere Giorgio perché è stato il maestro di mia figlia Alessia e da quel momento è nato anche il nostro rapporto di amicizia. Di lui ho apprezzato sempre la grande generosità e disponibilità in qualsiasi ambito. Ci eravamo visti recentemente e come detto da quasi tutti gli altri, mi aveva chiesto come andava e aveva detto che lui stava bene. Oggi … lui è andato avanti e noi siamo rimasti qui… senza di lui fisicamente ma dentro il nostro cuore c’è sempre un pensiero per Giorgio. Grazie per tutto Giorgio e buon viaggio
    Antonio e Sandra

  15. Teresa scrive:

    Anch’io lo ricordo così: “frasi spericolate”( per noi che non eravamo abituati al suo eloquio), citazioni colte, frutto di autentica cultura, pensieri accompagnati da gesti misurati, tipici di chi sa il fatto suo ed è sicuro di sé:
    Quando l’ho conosciuto aveva solo ventitré anni, ma era già così: saggio e maturo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri articoli di: Riccardo Luna

Riccardo Luna
Tutto su Riccardo

Potrebbero interessarti anche

in by Riccardo
+
+
Impostazioni Articolo
Dimensione dei caratteri
aA
aA
aA
Sfondo:
Giorno
Notte
Testo:
Moderno
Classico
Alta leggibilità
ok