Menu
+
Chiudi
scuola

La scuola non può stare ferma e per reagire deve contaminarsi

Coding, robotica educativa, digitale i temi della due giorni di Officina Scuola in Campania

Eclettico, ho alternato la gestione commerciale con quella tecnica per conto di Telecom Italia Impresa Semplice, Alcatel TLC, CISCO Networks, Samsung Networks. Da alcuni anni mi occupo prevalentemente di sviluppo applicazioni iOS, Android ed ora su API Telegram. Dal 2013 mi occupo della gestione e della promozione della candidatura di Matera a Capitale della Cultura 2019 attraverso il portale della Community e promuovo sui social networks il processo di candidatura. Ho curato il progetto OpenData del Comune di Matera e curo il processo partecipativo per la crescita e diffusione di OpenStreetMap nella città dei Sassi. Nel 2013 il Comune di Matera ha vinto il primo premio openGeoData d'Italia. Nel 2014 ho fatto parte della Task Force per l'Agenda Digitale della Regione Basilicata ed ho partecipato all'organizzazione del Go on Basilicata. Seguo attualmente il Comune di Lecce per il processo OpenData e OpenGov. Nel 2015 il Comune ha vinto il premio E-Gov come miglior Comune d'Italia per gli openData partecipativi e collaborativi. Sono membro attivo dei club CoderDojo di Puglia e Basilicata insegno Coding per il PON Indire [email protected] alle insegnanti delle scuole primarie e secondarie di primo grado. Inoltre sono fieramente membro del direttivo di Wikitalia. Tutti mi chiamano Piersoft

Due giorni intensi. Di relazioni, di riflessioni, di confronti. Sulla scuola, per la scuola, con la scuola. Questo è stato per me Officina Scuola ad Angri (Salerno) presso il Liceo Scientifico e Classico Don Carlo La Mura. Già l’ingresso con annessa mostra, denota che è una Scuola speciale. L’idea e il coordinamento è di Alfonso D’Ambrosio, un professore (fisico) un po’ “svitato” agli occhi di chi non comprende la “visionarietà” di fare squadra, di spostare l’asticella sempre più in alto, di rompere schemi e farlo in gruppo.

All’appuntamento hanno partecipato docenti e ragazzi del posto, relatori da tutta Italia e i tempi del fitto programma e le presentazioni nel roadshow sono stati affidati alla giornalista Barbara Gasperini. Cosa mi porto a casa da queste 48 ore? Le parole del preside Filippo Toriello del Liceo Don Carlo La Mura: «Non ho compreso fino in fondo cosa sia Arduino, il coding, la classe capovolta, la robotica educativa.

Ho intuito che la scuola non può stare ferma. Deve reagire, contaminarsi, innovarsi.

Quindi come dirigente ho fatto il mio dovere: ho dato fiducia ai bravi professori, ad Alfonso, che mi hanno chiesto di organizzare questo evento. Ora mi è molto più chiara la direzione. Faremo insieme il percorso».

Ci sono stati molti laboratori. Dalla satira (sì sì la satira, preziosissima arte di essere fuori contesto) di Emanuela Marmo, alla robotica educativa con Lego MindStorm di Mimmo Aprile e Paola Lisimberti. Tra i protagonisti Leonardo Falanga, maker da quando aveva 3 anni e tra i migliori anche a RomeCup2016, Luca Scalzullo che ha fatto vedere come i suoi ragazzi di seconda media realizzano app su Android sulla fisica… come? Lasciandoli fare!

scuola

Tutti i relatori avevano alcuni punti in comune che mi hanno colpito e mi hanno dato delle conferme: tutti usano una didattica del fare e del fare insieme ai ragazzi. Entusiasmandoli, coinvolgendoli, spesso facendo scegliere a loro l’argomento da approfondire. Io ho fatto una carrellata sul coding, partendo dal pensiero computazionale fino alla programmazione di un bot Telegram per la Divina Commedia. Abbiamo anche parlato del coding come uno degli elementi che la Commissione Europea ha visto come “visionari” per la designazione di Matera 2019, come Capitale Europea della Cultura.

DUE GIORNI INTENSI

Alfonso D’Ambrosio ci ha visto giusto. Non ha solo chiamato un bel gruppo assortito di professionisti e professori, ma anche Fondazione Mondo Digitale con Francesca del Duca, Confindustria Piccola Impresa con il vicepresidente nazionale Bruno Scuotto, Angela Gatti (nella foto in alto) e la sua didattica digitale nelle scuole primarie, Elita Serrao e la sua esperienza di motivazione nella formazione, la startup Tinkidoo con Sonia China, piuttosto che iOsmosi di Alessandra Graziosi, o di giovani startupper e laureandi del territorio. E  il Comune di Angri (organizzatore dell’appuntamento). I destinatari, cioè insegnanti e ragazzi hanno avuto risposte differenti: i ragazzi entusiasti, i docenti storditi. A volte indifferenti. Cosa è mancato per coinvolgerli fino in fondo?

LA VISIONE D’INSIEME

Sono i quesiti che ci siamo posti alla fine della manifestazione. Come mai questo entusiasmo non è passato oltre? Come mai i docenti della scuola non riescono ad entusiasmarsi? Cosa manca? Mi sono fatto un’idea. I protagonisti del cambiamento non sempre possono essere gli stessi mezzi di comunicazione del cambiamento. Servono altre professionalità che facciano da traduttori tra i mondi. Ci vogliono divulgatori, giornalisti, comunicatori, che devono accompagnare la diffusione e amplificare la velocità del cambiamento. Serve un pool di competenze per cambiare un sistema complesso come la scuola e di conseguenza la società. Non è una corsa, ma una maratona, dove nessuno deve sentirsi il top runner o l’ultimo della fila, ma tutti siamo in mezzo ed , aiutandoci l’un l’altro, confrontandoci, riusciamo anche a vedere la visione d’insieme e non solo le nostre scarpe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri articoli di: Francesco Piero Paolicelli

Francesco Piero Paolicelli
Tutto su Francesco Piero

Potrebbero interessarti anche

in by Francesco Piero
+
+
Impostazioni Articolo
Dimensione dei caratteri
aA
aA
aA
Sfondo:
Giorno
Notte
Testo:
Moderno
Classico
Alta leggibilità
ok