Menu
+
Chiudi
soldi pubblici

E adesso voglio sapere come spende i soldi il mio comune

Opendata e bots per sapere dove finiscono le nostre tasse. Con Telegram interroghiamo SoldiPubblici.it

Eclettico, ho alternato la gestione commerciale con quella tecnica per conto di Telecom Italia Impresa Semplice, Alcatel TLC, CISCO Networks, Samsung Networks. Da alcuni anni mi occupo prevalentemente di sviluppo applicazioni iOS, Android ed ora su API Telegram. Dal 2013 mi occupo della gestione e della promozione della candidatura di Matera a Capitale della Cultura 2019 attraverso il portale della Community e promuovo sui social networks il processo di candidatura. Ho curato il progetto OpenData del Comune di Matera e curo il processo partecipativo per la crescita e diffusione di OpenStreetMap nella città dei Sassi. Nel 2013 il Comune di Matera ha vinto il primo premio openGeoData d'Italia. Nel 2014 ho fatto parte della Task Force per l'Agenda Digitale della Regione Basilicata ed ho partecipato all'organizzazione del Go on Basilicata. Seguo attualmente il Comune di Lecce per il processo OpenData e OpenGov. Nel 2015 il Comune ha vinto il premio E-Gov come miglior Comune d'Italia per gli openData partecipativi e collaborativi. Sono membro attivo dei club CoderDojo di Puglia e Basilicata insegno Coding per il PON Indire [email protected] alle insegnanti delle scuole primarie e secondarie di primo grado. Inoltre sono fieramente membro del direttivo di Wikitalia. Tutti mi chiamano Piersoft

Non tutti sanno che SoldiPubblici.Gov.it è un sito strategico per il nostro Paese, perché consente un controllo distribuito e dal basso della spesa delle Amministrazioni Pubbliche che noi cittadini paghiamo con l’altissimo livello di tassazione cui siamo sottoposti.

bankitalia

Trasparenza, tasse e soldi pubblici

Pertanto, sia in un’ottica di trasparenza, che di metodo, e di adeguamento al resto d’Europa, il controllo pubblico in tema Government Spending ottenibile grazie ai dati aperti è fondamentale. Purtroppo se andiamo sul sito del Global Open Data Index vediamo che il nostro paese ha ancora molti “rossi” (deficit informativi) proprio su questo fronte. Ad onore del vero è dovuto in gran parte ad una questione di timing: infatti il sito Soldipubblici ha messo online i dati di spesa della Pubblica Amministrazione centrale (i ministeri) solo da qualche settimana, per cui quando l’iniziativa dell’Open data index ha censito l’Italia, quelle informazioni non potevano essere censite.

E tuttavia il sito a mio modesto avviso è fatto molto bene ed è ricco di infografiche e confronti che ne rendono molto semplice e intuitivo l’uso. Ci sono ancora alcune cose da implementare, tra cui la disponibilità di API pubbliche (le Interfacce di programmazione delle applicazioni informatiche), cioè un sistema codificato con cui “interrogare” il sito per avere una risposta strutturata e leggere quello che vogliamo sapere.

Nonostante soldipubblici non lo preveda, abbiamo trovato una soluzione per ottenere quelle informazioni in maniera intuitiva dal telefonino.

Come? Grazie alla comunità degli opendata ed in particolare Spaghetti openData ho imparato tantissime cose, tra cui alcuni trucchetti tecnici e li ho usati per interrogare proprio siti come SoldiPubblici. In questo caso usando il servizio di messagistica Telegram e facendolo interfacciare con i dati presenti sul sito governativo grazie a un programmino scritto da me.

Come spende le tasse il mio comune me lo dice Telegram

Se ad esempio voglio sapere qualcosa su di un ente come il Comune di Prato – ma potrebbe essere un altro comune, una regione, un’azienda sanitaria locale, ecc. – con il mio “bot”, dopo aver digitato “comune di prato” avremo una risposta di questo tipo che ci fornisce il cosiddetto codice ente:

Schermata 2015-12-20 alle 21.39.52

Quindi, dopo aver ricavato il “codice ente” che mi serve, posso fare la “vera richiesta.” Nell’esempio sotto se digito “%800000062?spese postali” riceverò le informazioni sulle spese postali del comune di Prato relativametne al 2014, al progressivo 2015 e all’ultimo mese rilevato:

Schermata 2015-12-20 alle 21.40.56
Ovviamente posso ottenere altre istruzioni e trovare i credits digitando /start o cliccando Informazioni:

orizon

Bello no? Provateci.

La nuova stagione della trasparenza

Grazie poi allo Tsunami dei Bots di Telegram, in questo periodo mi sto divertendo molto a fare qualcosa che possa far conoscere il mondo dei dati aperti e la loro utilità nel quotidiano.

In particolare, dopo l’esperienza di Matteo Tempestini su Emergenze Prato, ho focalizzato l’attenzione su tantissimi Open data pubblici. La mia idea è portare a tutti la potenza dei dati. Per farlo serviva una piattaforma solida, presente su più sistemi operativi e hardware diversi (Mac, Linux, Windows, iPhone, Android, WindowsPhone ect), qualche piccola esperienza nell’uso degli opendata e un pò di fantasia. Qui trovate tutti i miei bots.

​A che serve tutto ciò? Abbiamo risolto il problema della corrruzione e delle inefficienze della PA con gli opendata?

No, certamente. Ma è un modo per aggredire il problema. Il nostro è un semplice esempio di riuso. Abbiamo già parlato dei bots sviluppati per la pubblica amministrazione di Lecce proprio su Che Futuro nell’articolo “Telegram nasconde i segreti, ma apre anche le porte del tuo comune“. E non ci siamo fermati qui. Ne abbiamo parlato anche ultimamente a proposito di trasporti pubblici su ForumPA. E continueremo grazie alle vostre segnalazioni.

Il movimento per la trasparenza è in fermento e noi abbiamo varie velocità. Ci sono delle eccellenze in Italia ma ancora non si può parlare di “sistema degli Open Data”. Spero che la nuova legge approvata ad Agosto (la cosidetta Riforma Madia) possa accelerare il processo, ma intanto, dal basso, diamo il nostro contributo al piano per la Crescita digitale.

Ah, dimenticavo, tutti i sorgenti dei miei programmi sono aperti in modo da permettere ad ogni PA o sviluppatore di riusarli gratuitamente. Li trovate su GitHub.

 

FRANCESCO PIERO PAOLICELLI

Lecce, 22 Dicembre 2015

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri articoli di: Francesco Piero Paolicelli

Francesco Piero Paolicelli
Tutto su Francesco Piero

Potrebbero interessarti anche

in by Francesco Piero
+
+
Impostazioni Articolo
Dimensione dei caratteri
aA
aA
aA
Sfondo:
Giorno
Notte
Testo:
Moderno
Classico
Alta leggibilità
ok