Menu
+
Chiudi

Ecco i primi 55 affondi dell’Agcom contro la pirateria in rete: colpiti i Sumeri e scuole elementari. No, qualcosa non va

Sono un giornalista specializzato in nuove tecnologie e, soprattutto, intelefonia e banda larga. Ne ho scritto e scrivo sulle principali testate italiane, generaliste e specializzate, da oltre dieci anni: L’Espresso, Repubblica, Sole24Ore, Corriere Comunicazioni, tra le altre. Qui guarderò al mondo degli operatori telefonici con uno sguardo indipendente e critico.

L’Autorità garante delle comunicazioni ha avviato finora 55 procedimenti contro la pirateria sul web, in virtù del nuovo regolamento sul copyright, ma di queste solo otto sono pirateria “classica”, come la intendiamo di solito. Tra gli altri casi, infatti, troviamo un sito rivolto ai bambini delle elementari che ha dovuto cancellare schede didattiche gratuite. Ma anche testate giornalistiche e due portali istituzionali che hanno dovuto rimuovere foto e video.

È possibile insomma ora chiedersi, con le prime evidenze empiriche, la reale portata del nuovo regolamento Agcom, che così tante polemiche aveva raccolto tra esperti e addetti ai lavori. Gli effetti rischiano di essere negativi per la libertà di internet, secondo le critiche, soprattutto perché in Italia manca a differenza degli Usa una normativa sul “fair use”, che rende legittimi alcuni usi del materiale coperto del diritto d’autore in nome del pubblico interesse.

I numeri sulle attività Agcom – che Chefuturo.it può pubblicare in anteprima – sono emersi durante la seconda riunione del Comitato per lo sviluppo e la tutela dell’offerta legale di opere digitali, istituito ai sensi dell’articolo 4 del Regolamento. Si apprende quindi che sono 85 le segnalazioni arrivate finora ad Agcom e protocollate, su presunte violazioni. «Delle 55 già avviate, colpisce la piccola percentuale di quelle che si occupano di pirateria comunemente intesa, cioè quelle che arrivano da associazioni per il diritto d’autore e che riguardano violazioni massive. Sono soltanto otto», nota Fulvio Sarzana, avvocato tra i massimi esperti di diritti in rete e promotore della principale campagna contro il regolamento Agcom.

agcom-sede«Ed è cosa notevole, perché l’Autorità per mesi ha promesso che si sarebbe occupata solo di pirateria massiva, cioè dei “veri” pirati», aggiunge. E invece. Risorsedidattiche.net è un sito che offre a bambini delle scuole primarie, alle famiglie agli insegnanti, schede didattiche gratuite, inserite dagli stessi utenti. E’ un sito molto frequentato soprattutto dai bambini delle scuole primarie, perché contiene un gran numero di esercizi gratuiti di inglese  per la prima scuola dell’obbligo.

L’Agcom, con la comunicazione di avvio di procedimento n. 42/2014,  ha ordinato al provider Aruba (che ospita il sito) di cancellare le schede gratuite relative ai seguenti temi: “La civiltà dei Greci – 3”, “I Sumeri”, “La civiltà degli  Assiri”, “Teoria del Big Bang”, “Gli Etruschi”, “Civiltà dei Greci – 4”, “La  preposizione”, “La civiltà dei Greci”, “I Babilonesi”, “L’Iliade”. Il gestore del sito, a detta della stessa Agcom, non è stato contattato, quindi ora rischia di subire una rimozione a opera di Aruba senza aver voce in capitolo. Questo nonostante il regolamento preveda che il gestore del sito- qualora rintracciabile- vada contattato per un contraddittorio. Il sito è italiano e contiene persino un modulo per la segnalazione di violazioni.

Sarzana, sul proprio blog, ha già segnalato inoltre i provvedimenti emanati da Agcom su Repubblica.it e Repubblica.tv. Notevole quello sulla web tv, perché forse è la prima volta che Agcom entra sul diritto di cronaca in nome del copyright. L’Autorità, sulla base della segnalazione di un utente di Youtube ha ordinato a RepubblicaTV e a British Telecom (il provider della web tv) di rimuovere un video di cronaca che mostrava un’operazione di polizia a Firenze.

La maggior parte delle segnalazioni arrivate ad Agcom partono da fotografi professionisti, i quali se la prendono con i siti che pubblicano le loro opere senza permesso. Repubblica.it, il sito del beni culturali della Regione Marche (per una foto) e il sito della città di Oria in Puglia (per un video su un torneo storico di scherma).

Curioso il casi di Italysoft.com, raccontato dal gestore in una trasmissione di Radio Radicale sul regolamento Agcom. Il sito è un aggregatore di link alle homepage di vari siti giornalistici italiani. Ci clicchi e si apre l’home page all’interno di Italysoft (in modalità “frame”). Quattroruote si è opposta a questa pratica e il gestore si è dovuto adeguare spontaneamente. Il motivo, come spiegato lui stesso a Radio Radicale, è che aveva paura di pagare i 250 mila euro di multa qualora fosse ritenuto colpevole. Ha inciso anche il fatto che il gestore non è stato contattato da Agcom, ma lo è stato solo il provider del sito. Ricordiamo che secondo il regolamento, se non ci si adegua spontaneamente rimuovendo l’oggetto della segnalazione, si entra in un contraddittorio in cui Agcom poi deciderà se c’è stata una vera violazione. Il contraddittorio dovrebbe coinvolgere tutte le parti, ma come si vede a volte viene tirato in ballo solo il provider (che ha certo molto meno interesse del gestore del sito a difenderne la liceità). Agcom alla fine emetterà il verdetto e se ci si oppone alla richiesta di rimozione si rischia una multa fino a 250 mila euro la segnalazione all’Autorità giudiziaria.

«Insomma, diciamoci la verità: ci sono e ci saranno rimozioni spontanee solo per paura di entrare in un procedimento rischioso e/o in cui non si verrà mai davvero ascoltati dall’autorità. Ci si autocensura per paura: è questa l’internet che vogliamo costruire in Italia?», si chiede Sarzana. E non solo lui: «Agcom si è inventata un servizio unico nel panorama mondiale ad uso e consumo dei titolari dei diritti», nota Carlo Blengino, avvocato esperto della materia e fellow del Centro Nexa-Politecnico di Torino. «E’ totalmente gratuito ed i costi sono a carico della collettività; è veloce, privo di rischi per chi chiede la rimozione, non prevede contraddittorio e colpisce attraverso gli intermediari della comunicazione (hosting e access). Perfetto e pulito per i titolari dei diritti. Peccato si applichi ad internet», continua.

«Un articolo di cronaca è a riproduzione riservata? Non lo puoi diffondere né riprodurlo. Lo fanno tutti, ma è una violazione. Per non parlare dei link. Per la legge i 41.000 post inseriti su Facebook al secondo sono tutti protetti dal diritto d’autore, come pure i 360.000 tweet al minuto. Agcom offre una tutela gratuita ad una legge che era pensata per un tempo in cui i produttori di contenuti erano solo i professionisti e la distribuzione avveniva esclusivamente attraverso canali commerciali. Oggi quella legge che non distingue il contenuto professionale da quello amatoriale o la riproduzione dalla condivisione è incompatibile con il web», spiega Blengino. «Agcom, abbattendo la barriera del ricorso ai Tribunali, che comportava costi e rischi per chi agiva, ha reso palese questa incompatibilità. E mentre in Europa si lavora per cambiare quella legge inadeguata al nostro tempo, qui noi la portiamo alle estreme conseguenze», continua.

La proposta di Sarzana e Blengino, tra gli altri, è ora di una norma- scaturita dal Parlamento- che adegui la legge sul copyright ai tempi di internet, prevedendo il fair use. Ampliando quindi la possibilità di usare materiale protetto da diritto d’autore a scopo di commento, critica, citazione. Adesso è prevista ma è molto limitata; molto più che negli Usa, certamente. Un esempio? Settimane fa Mediaset ha chiesto a molti siti di rimuovere un video con Matteo Renzi ospitato in un suo programma tv. «La nostra normativa prevede sì il diritto di commento, come eccezione al copyright, ma in questo caso sarebbe la mera descrizione scritta di un video. Oppure la citazione fino a “50 centimetri di pellicola”», spiega Blengino.
Roma, 30 giugno 2014
ALESSANDRO LONGO

 

 

 

 

 

Una replica a “Ecco i primi 55 affondi dell’Agcom contro la pirateria in rete: colpiti i Sumeri e scuole elementari. No, qualcosa non va”

  1. jojojo scrive:

    Purtroppo la capacità di essere arrogante e arruffone in questo paese è superiore ad ogni altro aggettivo si possa pensare. il peggio è che non esiste il senso dell’onore e della giustizia, ma solo l’interesse di tutelare i forti e i potenti. Le norme in questo paese sono percepite come uno strumento di potere e di tutela di interessi di parte perché non sono mai eque e mai chiare. In questo legiferare furioso che ci affligge da decenni, l’unica cosa chiara è che chi viene protetto realmente è chi di suo sa proteggersi a suon di milioni, di amicizie e di potere… Siae, Agcom, Antitrust, Garanti, Commissioni di vigilanza, non rispecchiano come dovrebbero gli interessi collettivi, ma fanno gli interessi di pochi, per questo i garanti sono senza poteri effettivi, per questo le commissioni sono composte non da tecnici ma da politici che da una parte hanno interesse a controllare l’informazione e addirittura una parte ha interesse a servire il proprio referente …. Vogliamo poi parlare dell’analfabetismo tecnologico che ci affligge…ne vogliamo parlare, quando si parla di tecnologia, gli italiani sono mediamente di un analfabetismo funzionale umiliante, e non parlo solo della media, ma anche di gente che dovrebbe sapere cosa fa e su cosa decide perché se ne è assunta la responsabilità ed è pagata per essere capace, lungimirante e competente. Gente che dovrebbe sapere come investire, quale sono le strategie che possono, con 20 anni di ritardo, salvare la pelle a questo paese, se si lavora sodo ci vorrà almeno un ventennio e questo significa che la generazione dei 20nni di oggi è stata buttata alle ortiche da gente che non ha mai voluto crescere umanamente ma solo economicamente! Questo paese muore perché siamo afflitti da ottusità radicata e da “decisori” che vanno dal non essere all’altezza all’essere portatori di interessi privati e conflitti di interesse, e anche in questo, sul lungo periodo, dubito che ci sia una reale capacità di affrontare il gap tra la gallina oggi, e non l’uovo, ma un pollaio intero domani. Una vera disgrazia per qualsiasi paese. un network che manda in onda un “Tg tecnologia” in cui ci sono 4 servizi: la pubblicità di 4 videogiochi!!! Così ci vogliono!!! acquirenti fedeli, schiavi delle padelle, delle tette, delle trasmissioni politiche manovrate ed ossequiose, assolutamente incapaci di percepire un mondo diverso dalle canzoncine stupide e dal pensiero dell’ “oggi cosa mi serve e mi conviene”, assolutamente piatto, egoista, edonista e a breve raggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri articoli di: Alessandro Longo

Alessandro Longo
Tutto su Alessandro

Potrebbero interessarti anche

in by Alessandro
+
+
Impostazioni Articolo
Dimensione dei caratteri
aA
aA
aA
Sfondo:
Giorno
Notte
Testo:
Moderno
Classico
Alta leggibilità
ok