Menu
+
Chiudi

Burberi: “Cuore e molta Education: così abbiamo reso pop la matematica”

A noi di CheFuturo! piacciono le storie. Ecco perché in questo spazio trovate i racconti di innovazione che ci sono arrivati direttamente dalla rete. Per raccontarci le vostre idee e progetti potete utilizzare la pagina "Raccontaci la tua Storia". Vi aspettiamo.

Chiara e Nico, i due co-founder di Redooc.com, ex colleghi in una società di learning consulting, raccontano come è nata l’idea di Redooc, come sta crescendo.

Una sera di Ottobre 2012, in una sala riunioni di una grande azienda

– Chiara, dobbiamo deciderci, basta con la consulenza a grandi aziende, basta con la formazione per manager!
– Nico, dai lavora, non farmi perder tempo…
– Investire nel futuro dei ragazzi non è perdere tempo: è investire nel nostro futuro, nel futuro della nostra Italia!
– Ma allora dobbiamo fare vera education (educazione, no istruzione), utile (no nozioni, ma competenze): dobbiamo ripartire dalle materie STEM (Science, Technology, Engineering and Math) ma riscriverle con Arte, valorizzando la nostra creatività!
– Chiara, sarà dura in un Paese in cui si sentono tutti latinisti, in cui tutti si vantano di non capire la matematica: “sono negato, tanto non mi servirà mai a nulla…” – E allora? Se fosse stato facile, l’avrebbero già fatto!

Un giorno di Aprile 2013, una telefonata

– Chiara, ho comprato un dominio che ha un bel nome: Redooc
– Redooc?!? Cosa vuol dire?
– Rethink Education! Rewarded Education! È la nostra promessa ai ragazzi, il nostro impegno quotidiano: rendere attraente l’apprendimento, farlo diventare un gioco serio – Mmh…
– Ah e poi ho pensato che ci starebbe bene una tartaruga nel logo
– Nico, passi Redooc, ma la tartaruga no… non sai che su internet vanno di moda i gatti?
– La tarta che strizza l’occhio è perfetta per Redooc: un animale longevo, lento ma determinato, il protagonista di un celebre paradosso; un animale nato esploratore che torna a casa per deporre le uova; il portatore del primo quadrato magico della storia (Luo Shu), un famoso portafortuna in Cina
– Ok, ma allora la facciamo disegnare da un’artista!
– Ma allora dobbiamo fondare una startup!
– Per favore, non chiamarla startup! Non voglio provarci, voglio riuscirci. Ho un sogno: fare azienda, come ai vecchi tempi…

Una sera di Maggio 2013, un ristorante a Milano

– Nico, non capisco da dove vuoi partire? Cosa si imparerà con Redooc?
– Tutto! Redooc è la Vitamina E (come Education) per contribuire alla ripresa dell’Italia
– Nico, focus. Partiamo dalle materie STEM, e in particolare cominciamo dalla matematica, che è la lingua di base di tutte le materie scientifiche, logica e ragionamento, raccontata e spiegata come mai nessuno prima
– Ma la matematica non tira, non piace a nessuno!
– Sì, è vero, ma può diventare cool, se la rendiamo semplice, come un gioco, ripulita da inutili formalismi. Pensa: tutta la matematica spiegata a partire dalla vita di tutti i giorni, video (brevi!) con tanti esempi. Redooc renderà la matematica POP
– Chiara solo tu e la tua generazione capite cosa vuoi dire con POP, i ragazzi hanno bisogno di altro… Se dico POP tu pensi a Warhol ma i ragazzi pensano a Bieber…
– Allora dobbiamo tradurla nel gergo e con lo stile dei ragazzi: il fine giustifica i mezzi!
– Cosa ne pensi di un grande gioco online e social? Migliaia di esercizi online, divisi per livelli, presentati con logiche di gioco, completi di spiegazioni, che mettono alla prova le capacità per sviluppare le competenze logiche e matematiche.
– Nico, ricorda che ciò che non si misura, non esiste
– Ma ci sarà un profilo utente con un percorso dettagliato dell’attività svolta e dei risultati ottenuti, per imparare e migliorare, conoscendo i propri punti di forza e le proprie debolezze.

Un giorno di Giugno 2013, in ufficio

– Nico, partiamo dai bambini e dalle bambine… pensa che bello: la matematica per le ragazze!
– Chiara, partiamo dai ragazzi e dalle ragazze delle Scuole Superiori: è la loro ultima possibilità per andare a studiare all’estero, prepararsi bene per l’Università, non semplicemente per un test di ammissione, essere pronti a reagire con successo in un mondo del lavoro che cambia continuamente
– Subito dopo però la matematica delle Medie; tante mie amiche mi raccontano la fatica del passaggio dalle Elementari, la difficoltà di coinvolgere e comunicare con un’età che inizia ad essere così difficile

Un giorno di fine Luglio 2013 è nata la STI e siamo partiti. La nostra avventura è cominciata così. Redooc, pensato e sviluppato con passione e orgoglio a Milano, Italia.

Milano, 26 febbraio 2014

Chiara Burberi
Nata e cresciuta a Milano. Appassionata di #creatività, #education e #STEM (con Arte) in particolare per le ragazze. #proudtobeItalian, impegnata a investire nel futuro dell’Italia: i giovani. Docente, consulente e manager, adesso co-founder di redooc.com

Nicolò Ammendola
Appassionato di #education (non di #istruzione), #giramondo, a volte #velista, #geek. #Italiano fiero – per la serie #iononmenevado. Vedo nei #giovani l’unica chance vera che abbiamo, e nell’education l’unico #investimento da fare. Innamorato della #matematica, non ancora ricambiato.

2 risposte a “Burberi: “Cuore e molta Education: così abbiamo reso pop la matematica””

  1. Nicolò Ammendola scrive:

    Ciao Miriam,

    Redooc sarà presto online con:
    – Video lezioni: tutta la matematica del Liceo e degli Istituti Tecnici e Professionali spiegata a partire dalla vita di tutti i giorni, con tanti esempi utili e suggerimenti per le interrogazioni.
    – Esercizi come giochi: migliaia di esercizi online, divisi per livelli, presentati con logiche di gioco, completi di spiegazioni dettagliate, che mettono alla prova le tue capacità per sviluppare le tue competenze logiche e matematiche.
    – Profilo utente: percorso dettagliato dell’attività svolta e dei risultati ottenuti, per imparare la matematica e migliorare i risultati conoscendo i propri punti di forza e le proprie debolezze.

    Per il momento ci trovi su redooc.com e su blog.redooc.com.

    La differenza a cui facciamo riferimento nell’articolo è quella tra “educazione” e “istruzione”. Ne parliamo più approfonditamente qui: http://blog.redooc.com/2013/11/07/tutta-questione-di-education/

  2. Teresa scrive:

    Quando sarà online il sito?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri articoli di: Storie

Storie
Tutto su Storie

Potrebbero interessarti anche

in by Storie
+
+
Impostazioni Articolo
Dimensione dei caratteri
aA
aA
aA
Sfondo:
Giorno
Notte
Testo:
Moderno
Classico
Alta leggibilità
ok