Menu
+
Chiudi

Renzi, la Apple e il primo ministro dell’innovazione

Giornalista, sono stato il primo direttore dell'edizione italiana di Wired e promotore della candidatura di Internet al Nobel per la Pace. Sono appassionato di "storie idee e persone che cambiano il mondo" e in particolare l'Italia. Dal settembre 2011 scrivo di innovazione su La Repubblica. Ho rubriche anche su Wired, Vanity Fair e Traveller. Il mio blog è su Il Post. Dal gennaio 2012 sono presidente di wikitalia, associazione che si propone di diffondere trasparenza, open data e partecipazione nella politica italiana usando la rete. Sono coordinatore dell'Innovation Advisory Board di Expo2015 e membro del board di Oxfam e di Building Green Futures. Di CheFuturo! sono il direttore responsabile.

Vorrei fare gli auguri di buon lavoro al nuovo ministro dell’Innovazione. Come dite? Non c’è? Guardate meglio, è una falsa impressione. E’ Matteo Renzi, è lui il (primo) ministro della innovazione. O almeno queste sono, secondo me, le sue intenzioni. Provo a spiegarmi. Nelle ore della caduta del governo Letta in tanti si sono spesi affinché il nuovo esecutivo segnasse una discontinuità forte con il passato. Per far questo, era il ragionamento di molti, serviva non un coordinatore di fantomatiche cabine di regia; non un oscuro sottosegretario; ma addirittura, per la prima volta nella nostra storia repubblicana, un ministro. Un ministro per Internet e per l’innovazione in genere. Qualcuno che, sedendo in consiglio dei ministri, potesse far valere e prevalere il punto di vista della innovazione su tutto giacché quando parliamo di queste cose come è noto non parliamo solo di Agenda Digitale e pubblica amministrazione (che pure sono essenziali). Parliamo del nostro modo di vivere, dell’istruzione, del lavoro e della salute. Tutto.

E invece il presidente del Consiglio ha preso un’altra strada.  O meglio: ha scelto un altro schema di gioco. Lui, il premier più giovane di sempre, ha scelto di partire con l’esecutivo più giovane di sempre, e con il più alto numero di donne: le pari opportunità realizzate al più alto livello hanno abolito il preesistente ministero. E in tutto ciò il ministero dell’Innovazione non è arrivato. Anzi, a rileggere i percorsi professionali dei sedici ministri, credo che molti potrebbero dire che, quanto a cultura digitale, ovvero quella cultura che sta cambiando il mondo ad una velocità mai vista prima, vale l’espressione che si usa per l’analisi delle urine: “Tracce o inesistenti”.

Perché questo? Perché Matteo Renzi non crede nel valore dell’innovazione? Mi sento di poter dire, conoscendolo piuttosto bene, che ciò è avvenuto esattamente per le ragioni contrarie. Secondo me il presidente del Consiglio ritiene di poter rappresentare – da solo e in ogni istante –  questa indispensabile spinta verso l’innovazione. E’ una scelta che si può discutere, che si può criticare e che andrà giudicata in base ai risultati, ma non è una scelta priva di fondamento. L’amministratore delegato di Apple, Tim Cook, poco dopo essersi insediato al posto che fu di Steve Jobs, disse: “Una azienda che ha un dipartimento dell’innovazione ha un problema”. Perché l’innovazione, era il ragionamento di Cook, non si confina in una stanza ma deve contaminare ogni scelta dell’azienda.

Non so se Renzi conoscesse questo precedente, ma ci trovo delle analogie, lo stesso percorso logico (per quanto l’Italia, al contrario della Apple, abbia un grosso problema sul digitale e quindi nominare un ministro ad hoc in questo  frangente avrebbe potuto avere molto senso).

Del resto questo è un esecutivo, lo hanno detto molti osservatori, con un’unica stella. Il premier. E’ una giunta Renzi, hanno detto alcuni ricordando il suo recente passato da sindaco. A me pare piuttosto un governo con moltissimi interim, ovvero dove l’inevitabile carenza di esperienza e personalità di alcuni giovani politici, dovrà essere compensata dal dinamismo e dal protagonismo del premier. Che quindi per quanto detto finora va considerato necessariamente il ministro ad interim dell’innovazione.

Ma affinché questo schema funzioni, ad una pattuglia di giovani ministri politici occorrerà affiancare sottosegretari competenti ed esperti. In particolare quello delegato appunto all’innovazione, all’agenda digitale, a Internet. Perché di tutto abbiamo bisogno adesso, tranne che di ricominciare con il balletto dei tavoli, delle audizioni, delle task force, degli stati generali. Le cose da fare sono evidenti a tutti e sono state analizzate e sviscerate a fondo in questi anni. E’ il momento di farle, non di rispiegare ad un ministro cos’è il web. Per questo, ripeto, scommetto che il premier nominerà un sottosegretario della presidenza del consiglio che lo aiuti nel coordinare i dossier per spingere sul pedale dell’innovazione sempre. Infatti è un tema che riguarda la scuola, la cultura, il turismo, lo sviluppo economico, gli interni (l’immigrazione può essere una fonte di innovazione, lo sapevate no?); e persino gli esteri come ha dimostrato il pacchetto di norme Destinazione Italia appena approvato e voluto proprio dalla Farnesina.

L’innovazione, se questo governo vorrà davvero avere successo e cambiare verso, dovrà essere il tono dominante, la stella polare di ogni scelta. E per riuscirci il (primo) ministro dell’innovazione avrà bisogno di un sottosegretario competente, credibile, appassionato. Ma fra questi tre requisiti dico soprattutto competente. Non penso di far torto a nessuno se dico che fra i parlamentari della maggioranza ce ne sono almeno due che rispondono a questo identikit: il deputato di Scelta Civica Stefano Quintarelli, il migliore quando si parla di Internet in Italia; e il deputato del PD Paolo Coppola, che ha dimostrato eccellenti capacità da assessore a Udine e nei primi mesi a Montecitorio.

Fatta questa scelta il più sarà fatto, ma a mio avviso resta ancora un punto importante. Un punto che può dare una accelerazione potente alle riforme da attuare. Lo spiego così. Gli innovatori in questo paese sono cresciuti in una misura che i media tradizionali neanche immaginano. Ogni giorno ci sono decine e decine di eventi che non finiscono sui giornali e in tv ma che mettono in scena le imprese quotidiane e la voglia di fare di una Italia viva. Queste persone sono un giacimento di disponibilità incredibile. In questi anni ho visto tanti di loro spendersi gratuitamente e senza mai chiedere contropartite per contribuire a far ripartire il paese. Ciascuno nel proprio campo. E’ una ricchezza che non va sprecata.

Un governo con un primo ministro dell’innovazione e un sottosegretario credibile è finalmente un’ ottima sponda per dialogare fattivamente, per attivare quella partecipazione trasparente e concreta alla amministrazione del bene comune che è il cuore dell’open government.

Un’Italia wiki.

Immagino quindi che dalla società civile possa nascere non un governo-ombra, perché qui non si tratta di fare ombra a nessuno, ma un governo-sole attraverso il quale si possa dialogare con i ministri in maniera trasparente e solare. Non è il momento delle poltrone, ma dell’azione. Perché dubbi ne abbiamo tutti, chi più chi meno, ma non possiamo non sperare che sia davvero la volta buona.

Roma 24 febbraio 2014
Riccardo Luna

  • Osvaldo Danzi

    Riccardo, apprezzo molto il tentativo di mettere una toppa alle evidenti carenze di un Governo che non sta mantenendo alcuna promessa proprio con quegli elettori che sono stati per Renzi il vero trampolino della sua campagna ai poteri di sempre. Purtroppo il tentativo è zoppo. Fra questi ministri siedono i poteri forti di sempre (Confindustria, Comunione e Liberazione, le Banche e le micro lobby). Fra quelle donne ci sono Persone che rappresentano proprio ciò che Renzi ha per mesi combattuto (la Madia – lo riportano tutti i giornali degli ultimi tre giorni ad esclusione di Repubbica che ha preferito fare degli innovativi articoli sul look delle Ministre – è andata avanti a suon di raccomandazioni e, guarda caso, è “ben piantata” in Casa Napolitano (ma la meritocrazia non era uno dei cavalli di battaglia di Renzi?)
    La Guidi è figlia di un grosso imprenditore Bolognese fra i primi a cassaintegrare e a spostare l’attività produttiva in Romania. Oggi chiamata a garantire il progresso produttivo italiano.

    Per non parlare della mancanza di un Ministero per le Pari Opportunità che proprio in segno di rottura, cambiamento (#cambiamotutto?), e innovazione avrebbe potuto essere l’antenna più forte della volontà di Renzi di voler fare di questo Paese un esempio di integrazione alla pari dell’Inghilterra e dell’America (non sono Kennedy e Steve Jobs i suoi riferimenti?). Là dove la Kyenge ha fallito, poteva essere la sua arma vincente.

    Questo Governo starà in piedi se Renzi saprà essere capace di mantenere gli equilibri fra le mille correnti grazie alle quali è arrivato alla velocità della luce a ricoprire il ruolo di Primo Ministro. Ovvero, grazie agli “inciuci di palazzo” che nella trasmissione della Bignardi aveva dichiarato poche settimane fa di ripudiare, a favore invece di un consenso elettorale.
    Ennesima bugia.

    L’innovazione, il cambiamento e tutto questo futuro, sono morti il giorno in cui Renzi ha tolto la maschera.

  • Mik Cuccu

    @riccardo luna. proponiti tu come sottosegretario =)

  • Jacopo

    Mai come in questi momenti c’è bisogno di puntare forte sull’innovazione e il digitale. Condivido il punto di vista di Luna, quando dice che gli innovatori di questo Paese sono molto più avanti di quello che i media tradizionali immaginano. Anche perché si è persa, nei media tradizionali, la capacità di individuare per tempo le vere proposte innovative.

    Non per nulla, nei servizi in televisione dedicati al lavoro si usano sempre immagini di fabbriche, catene di montaggio, mentre i creativi, gli innovatori non vengono quasi mai consultati.

    . Dubito fortemente, tuttavia, che un governo dotato di una maggioranza così irrisoria e creato nel giro di una settimana possa dispiegare una strategia e realizzare riforme di lungo periodo. Gli eletti sono rimasti gli stessi del Governo Letta, e saranno loro ancora una volta a decidere quali riforme privilegiare e quali lasciar morire di inedia in attesa di finanziamenti.

  • http://www.netics.it Paolo Colli Franzone

    Bellissima, l’immagine del “governo-sole”.
    Hai pienamente ragione: dialogo trasparente e solare. E azione.
    condivido

Altri articoli di: Riccardo Luna

Riccardo Luna
Tutto su Riccardo

Potrebbero interessarti anche

in by Riccardo
+
+
Impostazioni Articolo
Dimensione dei caratteri
aA
aA
aA
Sfondo:
Giorno
Notte
Testo:
Moderno
Classico
Alta leggibilità
ok