Menu
+
Chiudi

Piemonte Visual Contest lancia un data storytelling sull’agricoltura

CheFuturo! invita a bordo le persone che hanno grandi storie da raccontare. Qui trovate i contributi di uomini e donne che stanno cambiando il mondo con la forza delle idee.

Oggi è partito ufficialmente Piemonte Visual Contest. A luglio quando siamo partiti, così un po’ inconsciamente, abbiamo deciso (io, Andrea Casalegno, Laura Pippinato e Roberta Bertero) di abbandonarci alla serendipity. Sapevamo che in pochi, fino a oggi, hanno affrontato il tema dei dati dal punto di vista della visualizzazione. Anche il contest è nato un po’ per caso. Durante una chiacchiera tra le mille che facciamo su dati, digitale, politica, Juventus, Andrea mi dice: «Ma sai che in Top-Ix è arrivata una neo laureata in design industriale al Politecnico di Torino che realizza visualizzazioni dati davvero interessanti (Laura)? Potremmo pensare a una collaborazione Consiglio regionaleTop-Ix». Così è stato.

PVC

Abbiamo guardato a progetti innovativi come il celeberrimo Opencoesione. Ma, soprattutto, abbiamo lasciato la porta aperta a chiunque avesse voglia di condividere questo esperimento con noi. “Senza rete”, verrebbe da dire. Così abbiamo trovato alcuni compagni di strada che da tempo provano a rompere il muro che in questo paese impedisce al digitale di diventare un fattore di cambiamento: Chefuturo naturalmente, Pionero, La Stampa, i pionieri di Talent Garden Torino, il Tavolo Open Data della direzione regionale Innovazione.

Un altro obiettivo che ci eravamo posti è raccontare delle storie che nascono dagli Open Data (come se non ci avesse mai provato nessuno, no?). Renderli “sexy”, come ha detto qualcuno. In questi mesi di preparazione e di lancio abbiamo scoperto, ad esempio, che Museo Torino ha dei dati molto interessanti, che esistono dei dati sull’avifauna piemontese (chi  l’avrebbe mai immaginato?).

L’ultimo compagno di viaggio che si è aggiunto è il Csi Piemonte. Tanto vituperato da larga parte dell’opinione pubblica e della politica, ma che da queste parti gode invece di massima stima. Grazie alla conoscenza con Giuliana Bonello abbiamo scoperto tutta la frontiera dello storytelling. Ovvero, è possibile trasformare i saperi specialistici della Pubblica amministrazione in saperi comuni grazie ai racconti che contengono percorsi di analisi predefiniti su specifici gruppi di dati.

PVC1

Quando si pensa al Piemonte si pensa alla terra dei grandi vini e dell’eccellenza enogastronomica. Analizzando i dati su aziende e vigneti degli ultimi sei censimenti sull’agricoltura, si possono vedere in modo molto evidente i cambiamenti che ci sono stati in Piemonte in questo ambito: la superficie agricola complessivamente utilizzata nella nostra regione è negli ultimi 50 anni diminuita di un terzo, mentre vi è stato un crollo del numero di imprese agricole (che sono nel 2010 meno di un quinto rispetto al 1961): queste aziende coltivano ora, mediamente, una superficie agricola tre volte più grande rispetto al 1961.

Il Csi Piemonte ha presentato negli anni scorsi, in team con la Regione Piemonte e con il Politecnico di Milano (Density Design Lab) un lavoro di data storytelling al quale hanno collaborato figure con esperienze diverse (policy maker, designer ed esperti di dati pubblici). Partendo dai dati degli ultimi 5 censimenti dell’agricoltura, si è lavorato per produrre un racconto divulgativo dal titolo “Aziende e vigneti in Piemonte: 50 anni di storia”.

Il racconto è stato pubblicato nella sezione “Dai dati ai racconti” del sito denominato Piemonte in Pillole. Questa sezione è nata per portare alla luce i grandi tesori di conoscenza che ci sono nella Pubblica Amministrazione, andando idealmente oltre la pubblicazione dei dati pubblici. Lo storytelling è strutturato esattamente come il contest: due modalità, infografica (statica) e data visual (dinamica).

Ecco, queste sono le storie che ci piacerebbe raccontare con #Piemonteviz. Grazie alla collaborazione con Csi, le infografiche e le data visualization che parteciperanno al contest verranno esaminate anche da rappresentanti della pubblica amministrazione piemontese (che lavorano per i 104 consorziati del Csi) per abbinare all’infografica un racconto che aiuterà i cittadini a conoscere il proprio territorio.

Ora è il momento di mettersi al lavoro. Tutte le informazioni su Piemonte Visual Contest sono qui.

Torino, 20 settembre 2013

FABIO MALAGNINO

Altri articoli di: Guest

Guest
Tutto su Guest

Potrebbero interessarti anche

in by Guest
+
+
Impostazioni Articolo
Dimensione dei caratteri
aA
aA
aA
Sfondo:
Giorno
Notte
Testo:
Moderno
Classico
Alta leggibilità
ok