Menu
+
Chiudi

Trento IctDay 2013: dalla rivoluzione tecnologica alla rivoluzione della società

Da piccolo avevo due passioni: l'informatica e la pallavolo. Ma all'università ho studiato sociologia nella mia città, Trento. Nonostante tutto, le due passioni non mi hanno mai abbandonato. Oggi sono diventate due mestieri: l'allenatore di pallavolo professionista (serie A austriaca) e il ricercatore in informatica. Dovendo scegliere tra i due, ho deciso di tenere il primo come una passione (allenando a Trento) e di fare del secondo la mia attuale professione. Sono ricercatore presso la Fondazione Bruno Kessler di Trento, dove coordino il Digital Commons Lab. Qui ci occupiamo di software libero e open source, beni comuni digitali, open data, reti sociali, OpenStreetMap e collaboriamo con organizzazioni internazionali come Open Knowledge, GovLab e Open Data Institute. Fra le altre cose sono portavoce per l'italia di Open Knowledge, open data trainer dell'Open Data Institute e membro del comitato scientifico dell'agenda digitale dell'Emilia Romagna

Sto scrivendo dalla sala 101 negli spazi di FBK a Povo (TN) dove, il prof Fausto Giunchiglia, presidente di TrentoRISE sta facendo il discorso inaugurale degli ICTDays – Orizzonti 2015.

Questa una sintesi del suo discorso “siamo nella Rivoluzione ICT, nella nuova rivoluzione industriale, dove si cambia il paradigma dalla produzione alla creazione della conoscenza. Un punto di non ritorno. E con questa settimana vogliamo mettere in evidenza questo passaggio, spiegando che questa rivoluzione non è solo una questione tecnologica ma che coinvolge tutta la società. Stiamo vivendo una vera innovazione sociale dove gli ingegneri devono calarsi in un contesto assieme a chi studia la società. Una innovazione dove lo scopo non è solo quello di creare tecnologie ma il miglioramento della società ridisegnandola”

L’iniziativa degli ICTDays nasce 5 anni fa come avvicinamento del mondo accademico (studenti, dottorandi, docenti, ricercatori …) dell’informatica verso la società, negli anni però è diventato un evento sempre più inclusivo a causa della pervasività del software nella nostra vita quotidiana.
Questo evento si presenta come un momento imperdibile con una rilevanza non solo locale e nazionale ma anche internazionale.

Fra gli ospiti più attesi Sir Tim Bernes-Lee il padre del web, che venerdì 22 nella cornice del MuSE (il museo della scienza di Trento che aprirà a fine estate) farà la sua lectio magistralis nella traccia “una finestra sul futuro” ma le sorprese non mancano e gli argomenti affrontati tantissimi: dalle questioni di genere ai videogiochi (con tanto di lan party giocando a Call of Duty 4 nella ricostruzione tridimensionale del polo scientifico e tecnologico Ferrari, fatta dagli studenti stessi,) passando per approfondimenti con Confindustria, i fablab e l’open design, il mondo delle startup con Riccardo Luna, il progetto TechPeaks, l’intervento del prof Alex Vespignani dell’università di Boston su “Modelli e previsioni dei sistemi socio-tecnici nell’era dei grandi dati“, concludendosi poi con una festa con musica in cuffia.

Gli eventi però sono molti di più, e il programma ricchissimo.

In prima persona sono chiamato all’interno dei laboratori di innovazione sociale previsti nella giornata di venerdì nella sezione “Smart Territory” sul tema Open/Big Data.

Open Data visto come un paradigma dell’innovazione sociale, la base della creazione della conoscenza e, per tale motivo, gli ospiti dell’intervento sul tema saranno:

  • La Provincia Autonoma di Trento con le azioni in corso sul tema open data partendo dal catalogo online dati.trentino.it
  • Il Comune di Firenze come esempio virtuoso di open data
  • Il dipartimento per lo sviluppo e la coesione sociale con opencoesione
  • Il lavoro di partecipazione e trasparenza svolto da openpolis
  • ENEL come azienda che ha scelto di rilasciare alcuni dati

Trattandosi, poi, di un laboratorio sono già in atto una serie di approfondimenti con i relatori nella giornata di sabato.
In conclusione: Trento, con questo appuntamento, mette ancora più in mostra tutto il potenziale che offre candidandosi come uno fra i primi luoghi d’Italia dove prepararsi alla rivoluzione ICT.

Trento, 21 marzo 2013

MAURIZIO NAPOLITANO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri articoli di: Maurizio Napolitano

Maurizio Napolitano
Tutto su Maurizio

Potrebbero interessarti anche

in by Maurizio
+
+
Impostazioni Articolo
Dimensione dei caratteri
aA
aA
aA
Sfondo:
Giorno
Notte
Testo:
Moderno
Classico
Alta leggibilità
ok