• http://twitter.com/giannilabbate Gianni Lab L’Abbate

    Ho realizzato una piccola presentazione per spiegare ai miei amministratori comunali l’importanza dei social media nella PA, specie in tempi di ristrettezze economiche come quella che stiamo vivendo.

    Tutto questo l’ho realizzato da volontario digitale e ne ho realizzato un piccolo riassunto qui http://giannilabbate.com/155/social-media-perche-le-pa-non-possono-farne-a-meno/

    Vorrei invece focalizzare la discussione su alcuni aspetti/problematiche che ho trovato all’interno di questo percorso:

    1) in particolare per i comuni più piccoli, con i bilanci ristrettissimi e bloccati anche dal patto di stabilità, è davvero difficile assumere personale competente che sia in grado di attuare e mettere in moto questo tipo di “innovazione”.

    2) anche da volontario, quindi attraverso uno svolgimento di queste attività senza retribuzione, è complicatissimo farsi rendere una figura istituzionalmente riconosciuta per svolgere queste attività se non dietro compenso, anche minimo: paradossalmente è più semplice affidare questi servizi ad aziende esterne (cosa sbagliatissima, a mio parere, anche nel migliore dei casi), che richiedono esborsi economici non indifferenti, che ad un semplice gruppo di volontari.

  • vincos

    Grazie Gianni, condivido cioè che hai riscontrato nella tua esperienza. Siamo all’inizio di un lungo percorso.