Menu
+
Chiudi

#Posta| Francesco Cucari: Il mio Dizionario dei Rifiuti è la prima app che vi aiuta a fare la raccolta differenziata

Questo è lo spazio dove rispondiamo alle vostre domande, suggerimenti e curiosità. Per entrare in contatto con la redazione di CheFuturo! potete scrivere un'email all'indirizzo: [email protected]

Caro CheFuturo!

non studio a Stanford, non ho lanciato il mio progetto dalla Silicon Valley nè ho ricevuto finanziamenti  da un’azienda americana. Sono partito da un piccolo paese della Basilicata e ho ideato il Dizionario dei Rifiuti, primo motore di ricerca in Italia sulla raccolta differenziata.

Tutto nasce nell’estate del 2011, quando stanco di chiedere a mamma e papà dove gettare questo o quel rifiuto, mi balena l’idea di fare qualcosa per rendere a tutti più semplice questo gesto. Decido così di realizzare un’app, che funziona da motore di ricerca, in cui basta scrivere il nome del materiale da riciclare (quelli che una volta si chiamavano rifiuti) e viene subito indicato in quale contenitore gettarlo.

Un’idea semplice, ma presto scopro che in Italia non c’era nulla di simile.

In pochi mesi, il Dizionario dei Rifiuti diventa un punto di riferimento per migliaia e migliaia di cittadini, i download dell’app e le visite al sito aumentano, ne danno notizia i media nazionali. Partecipo a diversi convegni in giro per l’Italia, come “Dialoghi virtuosi” organizzato dall’associazione nazionale dei Comuni Virtuosi, il Future Film Festival a Bologna o il Green Open Data a Roma. Insomma: ciò che era nato,quasi per gioco,è diventato un vero e proprio successo, che non mi sarei mai aspettato!

Questo mi ha fatto capire che “non è importante quanto è piccolo ciò che realizziamo. Se può migliorare anche solo la vita di un singolo individuo, vale la pena di essere perseguito con impegno ed entusiasmo”.
Così mi sono dato da fare, ho recepito le segnalazioni dei cittadini e raccolto quelle che sono alcune problematiche in questa tematica. Durante un convegno  mi ritrovo a parlare, casualmente, con alcuni esperti del settore, Enzo e Stefano di Ewap. Al termine di quel convegno decido di collaborare insieme con loro per ampliare il progetto.
Formiamo un team che, una volta all’opera, sta facendo evolvere Dizionario dei Rifiuti, rinnovandolo nella grafica, nei contenuti e nel format.
Non più solo motore di ricerca, ma un vero e proprio  servizio pubblico a disposizione del cittadino, con la possibilità di consultare il calendario di raccolta del proprio quartiere, di ricevere notifiche,che ricordino quando e cosa buttare, di poter localizzare (e, nel caso, raggiungere) le isole ecologiche o altri punti d’interesse o di prenotare un ritiro a domicilio: funzioni che rendono possibile una totale interazione.

I punti di forza del Dizionario dei Rifiuti sono la ricerca geolocalizzata, ovvero il poter effettuare la ricerca assistita e ottenere tutte le informazioni sulle modalità di raccolta del proprio comune (una volta che abbia aderito all’iniziativa), e il servizio di notifica, che permette al cittadino di non dimenticare il giorno di raccolta delle diverse tipologie di rifiuti, semplicemente perché sarà lo smartphone a ricordarglielo.

Quale futuro per il Dizionario dei Rifiuti? Espandere la rete dei Comuni Differenti, ovvero di quei comuni che aderiscono al progetto. La strada è ancora lunga.
Abbiamo già in mente di implementare nuove funzionalità,che rendano il Dizionario uno strumento    sempre più efficiente e ancora più completo. Abbiamo tutto l’entusiasmo e la determinazione a perseguire il nostro obiettivo: quello di fornire uno strumento quotidiano, a supporto dei cittadini, consentendo alle grandi metropoli così come ai piccoli centri di contribuire in maniera fattiva al miglioramento della qualità della raccolta differenziata.

Con il team, molto giovane e dinamico, stiamo pensando di sviluppare altre idee eco-sostenibili e innovative in grado di migliorare la qualità della vita, con un occhio di riguardo all’ambiente.

FRANCESCO CUCARI

4 risposte a “#Posta| Francesco Cucari: Il mio Dizionario dei Rifiuti è la prima app che vi aiuta a fare la raccolta differenziata”

  1. Bisognerebbe aggiungere l’opzione di ricerca per immagini : scatti una foto dell’oggetto e ti viene data subito la risposta sul dove gettare il materiale da riciclare.

  2. Bravo, complimenti e grazie per un così importante e utile servizio che viene dato ai Cittadini. Martino Pirone

  3. Resp scrive:

    è un idea interessante ma credo abbastanza complicata da realizzare, 

    più semplice sarebbe fare una foto al barcode del prodotto, 

  4. L’idea sarebbe affascinante ma di difficile realizzazione. Più accessibile la strada del barcode, come suggerito. Ma credo sarà uno step futuro 🙂

    Francesco Cucari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri articoli di: Posta

Posta
Tutto su Posta

Potrebbero interessarti anche

in by Posta
+
+
Impostazioni Articolo
Dimensione dei caratteri
aA
aA
aA
Sfondo:
Giorno
Notte
Testo:
Moderno
Classico
Alta leggibilità
ok