Menu
+
Chiudi

Agenda Digitale, mai vista tanta roba così buona in una legge. Ora va attuata.

Sono Stefano Quintarelli e sono un informatico e responsabile dell'area digital del Gruppo 24Ore. Nel 1989 sono stato co-fondatore di Miners, l'associazione che ha diffuso la Rete all'università di Milano. Nel 1994 sono tra i fondatori di I.NET, il primo Internet Service Provider d'Italia a carattere business. Sono tra i promotori di Aiip, Clusit e Aipsi. Io sono Francesco Sacco, managing director del centro di ricerca EntER della Bocconi. Mi occupo dell'impatto delle tecnologie e del software sulle strategie aziendali. Sono un advisor specializzato nel campo dell'eBusiness e mi interesso di sviluppo tecnologico ed economico.

Lo Stato, nel rispetto del principio di leale collaborazione con le autonomie regionali, promuove lo sviluppo dell’economia e della cultura digitali, definisce le politiche di incentivo alla domanda dei servizi digitali e favorisce, tramite azioni concrete, l’alfabetizzazione e lo sviluppo delle competenze digitali con particolare riguardo alle categorie a rischio di esclusione, nonché la ricerca e l’innovazione tecnologica quali fattori essenziali di progresso e opportunità di arricchimento economico, culturale e civile.”

Inizia cosi’ la legge sulla quale ieri la Camera ha espresso il voto di fiducia. Una approvazione che mi ha causato sensazioni opposte. Da un lato, per quel poco che ho potuto seguire il dibattito in aula, un velo di tristezza nel constatare che anche un tema così rilevante e no-partisan veniva usato come pretesto per tirate politicheggianti con parlamentari che recitavano “l’importanza dell’agenda digitale” con la stessa competenza che avrebbero mostrato parlando dello sternocleidomastoideo.

Dall’altro un velo di soddisfazione nel vedere il parlamento che legiferava su un tema che, fino a gennaio dell’anno scorso, era ignoto alla nostra classe governante.

Tanti parlamentari di buona volontà, bipartisan, avevano lavorato nei mesi scorsi per arrivare ad un testo comune e tante persone competenti, addetti ai lavori o assistenti li avevano aiutati con suggerimenti, studi e documentazione. In prima linea mi pare di poter annoverare gli onorevoli Bergamini, Gentiloni, Palmieri, Rao, Vita, Vimercati (con cui ho avuto contatti, ma certamente ve ne sono altri).

Una mole di lavoro che aveva prodotto un testo ricco, nella generale disattenzione dei rispettivi leader (e forse era stato meglio così). A tutti noi che lavoriamo su internet o nell’informatica è capitato sentirsi dire da un parente “non spiegarmi che lavoro fai, tanto non capisco; piuttosto, ho il PC che non funziona bene”. Ecco, forse la congiunzione astrale del lavoro di pressione dell’opinione pubblica e delle imprese, di parlamentari bipartisan con un governo tecnico sensibile, ha consentito di arrivare in fondo a questo provvedimento. Che peraltro ha avuto un iter abbastanza blindato, con poca possibilità di miglioramento ma con infiltrazioni varie che,rispetto allo sviluppo, appaiono abbastanza offtopic, come provvedimenti riguardanti stretto di messina, ISTAT, navi, pneumatici da neve, edilizia scolastica, farmaci generici, protezione civile, assicurazioni.

Condivido il dispiacere dell’onorevole Bergamini, tra i pochi durante il dibattito ad entrare anche nel merito (l’unica a ricordare l’opinione pubblica che da quasi due anni preme per questo provvedimento) che non ci siano più norme per l’alfabetizzazione digitale, ad esempio usando la RAI ( “Digital Manzi”, bocciato inspiegabilmente al Senato), norme per favorire il commercio elettronico, i contributi alle famiglie e per l’inclusione delle persone disabili e appartenenti alle categorie deboli e svantaggiate.

Certamente ci sono tanti punti migliorabili, ma quando si e’ vista una legge dello Stato con dentro così tanta roba buona? Domicilio digitale per cittadini, indice della PEC delle aziende, Open Data, certificazioni telematiche malattia, biglietti trasporto pubblico interoperabili, telelavoro, OSS, fascicolo elettronico studenti universitari, contenuti digitali (libri), fascicolo sanitario elettronico, prescrizione elettronica farmaci, digital divide, pagamenti elettronici (IBAN e mobili), comunicazioni giudiziarie, legge fallimentare, startup ed incubatori…

Insomma, la soddisfazione prevale.

Adesso si aprono almeno tre fronti: le regole implementative, l’attuazione di quanto sancito e le proposte emendative per migliorare ed integrare questo articolato.

Nei primi anni 2000 c’era, presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri il Forum per la Società dell’Informazione voluto dal senatore Bassanini, per un decennio abbiamo trascurato abbastanza l’argomento. Da ieri il fronte si è riaperto, speriamo definitivamente.

Roma, 13 dicembre 2012

Stefano Quintarelli

5 risposte a “Agenda Digitale, mai vista tanta roba così buona in una legge. Ora va attuata.”

  1. Federico Fratta scrive:

    Personalmente ritengo l’approvazione del decreto una vittoria di Pirro.

    Se occorre festeggiare perchè ora le cose sono “meno peggio” allora nulla da obiettare: non che ci volesse molto tuttavia.

    Se invece si vuole fare una diesamina critica obiettiva sui tempi impiegati per l’analisi (cui è seguito il famoso rapporto) e quanto invece effettivamente approvato, permettimi di essere fortemente deluso.

    Ai fini del rilancio non vedo particolari motivi per cui una startup dovrebbe stare in Italia e non costituire una LTD in UK (e/o spostarsi poi a Berlino).

    Anche per i VC del resto, il mercato londinese è più appetibile con la detassazione sull’investito che può raggiungere il 70% (contro il nostro 20?).

    Inoltre, a me onestamente sembrava più incisiva questa release: http://lucatremolada.nova100.ilsole24ore.com/2012/07/il-testo-del-ddl-approva-in-commissione-sullagenda-digitale-.html

    Perchè non si è continuato su quella strada? Era luglio del resto.

    P.S.
    Oltre a tutto questo, per essere “operativi” con le norme attuali mi sembra occorra aspettare anche i decreti attuativi, se le cose vanno come per le SRLS se ne riparla per maggio.

  2. Paolo Monge scrive:

    Sapete indicarmi dove si può trovare il testo della legge?

  3. Purtroppo era meglio nulla, questa legge giustifica solo l’esistenza di una nuova casta per il digitale, ma senza realizzare vantaggi concreti ed immediati per tutte le imprese (anche quelle tradizionali) che invece dovrebbero trovare nel digitale una leva efficace per risollevarsi dalla crisi. Ritentare please.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri articoli di: Quintarelli e Sacco

Quintarelli e Sacco
Tutto su Stefano Quintarelli

Potrebbero interessarti anche

in by Stefano Quintarelli
+
+
Impostazioni Articolo
Dimensione dei caratteri
aA
aA
aA
Sfondo:
Giorno
Notte
Testo:
Moderno
Classico
Alta leggibilità
ok