Menu
+
Chiudi

Report|TEDxBrussels|Metti un giorno col “Woz” e altri geni

CheFuturo! invita a bordo le persone che hanno grandi storie da raccontare. Qui trovate i contributi di uomini e donne che stanno cambiando il mondo con la forza delle idee.

Sin da quando ero piccola, Archimede, l’inventore, era il mio personaggio preferito dei fumetti.  Rappresentava per me il divertimento di essere creativi e di trovare gioia nella condivisione di nuove idee per aiutare gli amici e le persone che vivono attorno a noi.

Studiando scienze e lavorando poi nel campo, e’ nato in me il sogno di avere esperti di diversi campi della cultura e del sapere, apparentemente lontani tra loro,  in una sorta di piattaforma di comune linguaggio,  dove condividere esperienze , idee e creativita’ .

Nella nostra societa’ i sistemi informatici hanno permesso l’accesso e la creazione di rapidi sistemi di divulgazione scientifica, tecnologica e artistica,  racchiudendo lo spirito nuovo di condivisione della bellezza con un approccio multidisciplinare del sapere nelle sue varie forme.

Cosi’ sono nati i social media come twitter, e la piattaforma virtuale delle talks di TED

TEDxBrussels BANG BANG ( Bits, Atoms, Neurons & Genes) e’ stata la festa della scienza che sognavo: 2.200 spettatori e 20.000 partecipanti connessi da tutto il mondo sono stati immersi nell’arte, tecnologia e scienza in un  viaggio verso le frontiere della ricerca umana.

Stare su un palco TED significa comunicare con la mente e il corpo la propria creativita’ e energia, utilizzando l’ entusiasmo e la passione come olii essenziali.

E’ difficile per me poter segnalare tutte le emozioni, i messaggi e le tematiche che sono state protagonisti nel grande teatro Bozar di Bruxelles lo scorso 12 Novembre.

Alcune mie “passioni” erano li’ : la medicina come partecipazione collettiva tra medici e pazienti (Alan Greene), l’educazione come esperienza pratica e divertimento (Greg Gage, Ben Kestner), la medicina personalizzata (Rudi Pauwels), l’approccio multidiciplinare arte/scienza/design (Zoe Laughlin ,Yasaman Sheri ), etc.

Vi invito, quindi, a vedere i video nel sito in internet ,  perche’ solo cosi’ si puo’ apprezzare l’energia dello stile “TED”.

Come ha detto Steve Wozniak nella sua affascinante storia di design alla ricerca di nuovi strumenti per migliorare la societa’ :

Imparare a pensare per noi stessi e generare nuove idee e’ gia’ innovazione , e questo la scuola dovrebbe insegnare principalmente

Possiamo non essere capaci di preparare il futuro per i nostri figli ma possiamo preparare loro per il futuro.

Bruxelles, 15 Novembre 2012

Nadia Ceratto

Nadia Ceratto assieme a Steve Wozniak

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri articoli di: Guest

Guest
Tutto su Guest

Potrebbero interessarti anche

in by Guest
+
+
Impostazioni Articolo
Dimensione dei caratteri
aA
aA
aA
Sfondo:
Giorno
Notte
Testo:
Moderno
Classico
Alta leggibilità
ok