Menu
+
Chiudi

Italia, che futuro? (Venite con noi alla BlogFest di Riva del Garda intanto?)

Giornalista, sono stato il primo direttore dell'edizione italiana di Wired e promotore della candidatura di Internet al Nobel per la Pace. Sono appassionato di "storie idee e persone che cambiano il mondo" e in particolare l'Italia. Dal settembre 2011 scrivo di innovazione su La Repubblica. Ho rubriche anche su Wired, Vanity Fair e Traveller. Il mio blog è su Il Post. Dal gennaio 2012 sono presidente di wikitalia, associazione che si propone di diffondere trasparenza, open data e partecipazione nella politica italiana usando la rete. Sono coordinatore dell'Innovation Advisory Board di Expo2015 e membro del board di Oxfam e di Building Green Futures. Di CheFuturo! sono il direttore responsabile.

Italia, che futuro? Ce lo chiediamo ogni giorno, anzi ogni giorno che passa ce lo chiediamo di più oscillando fra lo sconforto della cronaca e l’ottimismo di chi, come noi, vive immerso in storie di innovazione, di cambiamento reale. Ma il dubbio resta: usciremo da questa lunga fase di incertezza come un paese migliore o continueremo il declino che è sotto gli occhi di tutti? Ecco, lo chiedo a voi, a voi che ci seguite in questo spazio che sta diventando quello che speravamo quando lo lanciammo, ormai cinque mesi fa: un luogo di incontro quotidiano di persone diverse ma unite da una grande passione per il futuro.

 Tu chiamali, se vuoi, innovatori.

E così quando qualche giorno fa Gianluca Neri (non devo spiegarvi chi è, vero?) mi ha proposto di andare a raccontare CheFuturo! alla BlogFest che come ogni anno si farà a fine mese a Riva del Garda, gli ho detto che avrei voluto occupare lo spazio che ci aveva assegnato (sabato pomeriggio) per provare a rispondere alla domanda “Italia, che futuro?”. E gli ho detto che avrei voluto farlo non per parlare ma per ascoltare le vostre storie.

Vi spiego perché: questo sito per me è stato una sorpresa e un regalo. Poter leggere ogni giorno una bella storia scritta da persone che stimo è un privilegio. Ma quello che davvero ha funzionato in CheFuturo! secondo me sono stati i vostri post. Quelli che ci avete inviato senza che ci fossimo mai incontrati. Quelli che nessuno aveva mai sentito e che forse nessuno avrebbe mai ospitato prima. Per questo vorrei portare a Riva del Garda i lettori di CheFuturo!. Saranno nostri ospiti a Riva del Garda e sul palco con noi i migliori fra coloro che ci scriveranno un post che ci aiuti in qualche modo a rispondere alla domanda che ci assilla: Italia, che futuro?

Post Scriptum. Oggi sono state rese note le nomination per i Macchianera Italian Awards che saranno assegnati a Riva del Garda. I migliori siti, i migliori tweet eccetera. Ci sono tanti bei nomi e tante sorprese che vale la pena di andarli a scoprire. Anche qui: innovatori, gente che usa la rete come web comanda. Non c’è trucco non c’è inganno, vince chi ottiene più voti. E si vota qui. Se vi va di partecipare, accomodatevi: 40 categorie con dieci candidati ciascuna. Buon divertimento.

Roma, 4 settembre 2012
RICCARDO LUNA

6 risposte a “Italia, che futuro? (Venite con noi alla BlogFest di Riva del Garda intanto?)”

  1. Luigi Einaudi1937 scrive:

    Non ne posso più di Riccardo Luna e dei suoi viaggi mentali! Tante parole scritte sui giornali o dette in conferenza e niente di concreto. Ogni volta parla di cose straordinarie. Ero straordinario Wired, però con le copie in calo erano straordinari a spedire le richieste di abbonamento per 4 anni, per mantenere una tiratura. Poi se nè andato nonostante le tante parole. Diamo spazio a chi fa cose concrete e a chi fa davvero qualcosa per cambiare il mondo!
    Luigi

    • Riccardoluna scrive:

      Caro Luigi non credo di poter fare nulla per la tua antipatia ma una risposta te la devo. Tu dici di dare spazio a chi innova davvero ed è esattamente quello che faccio da sempre, racconto storie di innovatori. Mi chiedi più concretezza e io ti invito a seguire i progetti di Wikitalia e Protezione Civica che stanno innovando concretamente. Infine Wired. Non me ne sono andato. Quanto alle copie se hai tempo dai una occhiata alla diffusione del luglio 2011, quando ho lasciato, e confrontala con luglio 2012. Non andavamo così male dai 🙂

      • Non andavano affatto male, motivo per cui, ora, il più delle
        volte, restano bell’incellofanate.

        Poi, la critica sul “fare” rischia di essere indeterminata e
        indeterminabile. Una cosa certamente Riccardo Luna l’ha fatta, dare voce a chi
        voleva raccontare storie vere, di persone, con i loro sogni le loro sfide, cit. “Quelli
        che nessuno aveva mai sentito e che forse nessuno avrebbe mai ospitato prima”.  Quando Che Futuro! ha pubblicato il mio post http://www.chefuturo.it/2012/06/la-scandalosa-storia-di-un-innovatore-che-rischia-di-fallire-perche-il-fax-della-regione-sicilia-non-risponde/
        , quasi uno sfogo, non pensavo certo di cambiare il mondo, e non l’ho cambiato,
        ma grazie a quella pubblicazione, ho ricevuto decine di contatti, messaggi di
        solidarietà, conosciuto energie che non pensavo presenti nella mia terra,
        condiviso esperienze, ricevuto aiuti e indicazioni preziose. Da li è partita
        una nuova spinta, il coraggio di nuove scelte, il dischiudersi di nuove
        opportunità, che spero di poter raccontare presto. Non ho cambiato il mondo, ma
        il mio mondo, almeno in questa fase, si! In fondo erano solo parole…

      • Luigi Einaudi1937 scrive:

        Ciao Riccardo,
        ho apprezzato la tua risposta, seguirò i progetti che mi hai consigliato.
        Luigi

    • Silvia Vianello scrive:

      Come mai Luigi che non ne puoi più di Riccardo Luna leggi chefuturo? Forse lo trovi interessante anche tu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri articoli di: Riccardo Luna

Riccardo Luna
Tutto su Riccardo

Potrebbero interessarti anche

in by Riccardo
+
+
Impostazioni Articolo
Dimensione dei caratteri
aA
aA
aA
Sfondo:
Giorno
Notte
Testo:
Moderno
Classico
Alta leggibilità
ok