Menu
+
Chiudi

12 strumenti per potenziare LinkedIn e trovare un lavoro

PhD in Economia. Sono docente di Marketing presso la SDA Bocconi di Milano e fondatrice di Reinventami. Ho lavorato come Professore e Consulente a Parigi, New York e Houston. Sono consulente strategico di marketing digitale, Omnicanalità, CRM, Pricing e Nuove Tecnologie nel Retail e collaboro con grandi realtà aziendali nei settori dell’automotive, del food, del fashion, del banking, del b2b, del settore farmaceutico. Conduco eventi Business e Digital in tutta Europa. Faccio parte del comitato direttivo dei Digital Champion. Partecipo come speaker e moderatrice ad eventi, convention, seminari e congressi incentrati sui temi digital, della green e sharing economy, del e-commerce, di startup e dell’ e-business strategy.

Lavorando a stretto contatto con utenti e con aziende spessissimo mi viene chiesto come poter trovare lavoro oppure clienti con LinkedIn. In questo articolo vi fornisco alcuni suggerimenti per potenziare la vostra presenza su LinkedIn e creare un’efficace rete professionale. Ecco le risposte alle vostre domande raccolte negli ultimi anni in aula e in azienda.

Come posso scaricare il mio account LinkedIn come curriculum in pdf?

Si può fare con Resume Builder, strumento davvero semplice da usare. Basta collegarsi con il proprio account LinkedIn, importare con un click i dati e in automatico si verrà indirizzati ad una pagina dove scegliere su quale format si vuole salvare in pdf il proprio curriculum, oppure si può anche scegliere di condividerlo su Facebook e/o Twitter. Non solo, fornisce anche la possibilità di selezionare quali informazioni inserire nel file scaricabile e stampabile nel caso in cui alcune informazioni non siano rilevanti per il destinatario del CV. È incredibile la velocità con cui riorganizza le nostre informazioni LinkedIn a seconda del format che decidiamo di utilizzare. Ti permette anche di crearne gratuitamente più di una versione, a seconda dell’occasione e di selezionare chi può vederla. Funziona molto meglio con Firefox e Chrome, rispetto a Internet Explorer.

Tempo stimato per l’operazione: dai 3 ai 5 minuti

Come carico online i file più importanti per condividerli con i miei contatti LinkedIn e trovare lavoro/clienti?

Puoi aggiungere l’applicazione Box.net Files direttamente dal tuo profilo. Un minus: l’app è disponibile solo in lingua inglese e potrebbe non funzionare correttamente se l’account LinkedIn è impostato su un’altra lingua. Vediamone alcune possibilità d’uso. Box.net ti consente di condividere contenuti nel tuo profilo e di collaborare con amici e colleghi. Se cerchi lavoro, puoi condividere anche il tuo CV e mandarlo a tuoi contatti LinkedIn; se stai assumendo personale puoi condividere con la tua rete le caratteristiche richieste per la posizione ricercata; se invece hai una piccola azienda o sei un consulente o un freelance ti permette di caricare file per trovare nuovi clienti. Se invece hai una startup puoi caricare il tuo pitch per farti notare da VCs, Angels, potenziali collaboratori e clienti potenziali. Puoi anche organizzare i file in cartelle. Ti permette anche di modificare i file con la tua rete di contatti. Se qualcuno scarica il file dal tuo profilo LinkedIn ricevi una notifica via email.

Tempo stimato: 5 minuti per iniziare e fare il setup dell’account. Pochi secondi per caricare i file.

Come ottenere informazioni rilevanti su contatti LinkedIn selezionati per azienda/settore/argomento?

Si chiama Signal ed è uno strumento potentissimo. Supponiamo di volere sapere cosa stanno facendo i propri dipendenti o i propri colleghi di lavoro. Ad esempio: a quali gruppi si stanno iscrivendo? Quali post condividono su Twitter? Cosa commentano? Cosa piace loro? Oppure, cosa fanno i contatti che lavorano per un competitor? Signal ti permette di farlo, e risulta uno strumento incredibilmente utile perché i filtri su chi ti interessa li decidi tu. Il numero di filtri è molto elevato e non limitato alla tua rete: puoi scegliere se vedere cosa si dice della tua azienda (o di qualche concorrente), sia sui tuoi contatti di primo livello, ma anche sui quelli di secondo livello oppure su tutta la rete LinkedIn. Ma puoi anche scegliere di filtrare i risultati per interi settori a seconda dei tuoi interessi, o per azienda, per concorrenza o per prodotto preferito. Non finisce qui, puoi anche vedere quali sono i link maggiormente condivisi e gli aggiornamenti di status e vedere chi ha condiviso uno specifico link. Niente male per essere gratis. Voto 10.

Tempo stimato per l’operazione: 1 secondo per ogni ricerca effettuata… poi però ci passi dentro delle ore a scoprire tutto quello che succede a seconda dei filtri che scegli.

Quali sono le aziende più cercate su LinkedIn? Quali le funzioni lavorative più ricercate?

Per vedere quali sono le aziende più ricercate su LinkedIn nell’ultima ora, oppure capire quali sono i ruoli lavorativi più ricercati, ma anche ad esempio a capire in quali settori sono più ricercate alcune figure professionali rispetto ad altri, c’è uno strumento chiamato Swarm disponibile a questo link.

La cosa interessante è che ti fornisce anche quali sono gli ultimi annunci di lavoro postati su LinkedIn. Come vengono visualizzati? Come “tag cloud” in continuo movimento. Ti permette anche di vedere gli ultimi Linkedin blog post. Fornisce la possibilità di cliccare su quello che appare, ma bisogna essere veloci per riuscire ad andare esattamente su quello che interessa, il servizio può essere infatti ancora migliorato. Non si riesce ad avere una ricerca per area geografica di interesse.

Tempo stimato: 1 secondo per ogni ricerca

Come posso vedere chi si è appena iscritto a LinkedIn?

Per visualizzare su una mappa chi sono i nuovi iscritti a LinkedIn basta collegarsi al sito Newinlinkedin. Per poter utilizzare questo strumento, ovvero visualizzare  le mappe in 3D dove appaiono i nuovi iscritti c’è bisogno del plug-in di Google Earth. Vi chiederà in automatico di istallarlo se non lo avete già. Incredibile vedere la velocità di nuove iscrizioni su LinkedIn su una mappa. Però se ti permettesse anche di cliccare sui profili che appaiono l’utilità sarebbe di sicuro maggiore.

Tempo stimato: 5 minuti tra scarico plug-in e utilizzo strumento

Come posso visualizzare i miei contatti LinkedIn su una mappa?

La prima volta che ho usato questo strumento mi è uscito il messaggio: “Wow, you’ve got a complex network! This is going to take a bit longer than we expected” (ovvero… wow, hai una rete di contatti complessa! Per visualizzarli sulla mappa potrebbe volerci più tempo del solito).

Ho quindi scelto l’opzione di mandarmi un’email quando fosse pronta la mappa. Sembrava dovesse metterci una vita. In 3 minuti di orologio è arrivata la notifica. Cosa ti permette di fare? Di vedere il tuo network su una mappa mettendoci dei label, ovvero indicizzandoli a seconda del ramo di appartenenza nella tua carriera lavorativa, come ex-colleghi, attuali colleghi, collaboratori, fornitori etc. Questi appariranno come differenti colori nella vostra mappa. Per capire un po’ come funziona potete fare riferimento al video di presentazione qui. Non è così semplice da utilizzare, soprattutto se hai un network piuttosto vasto la gestione dei label può creare qualche problema.

Tempo Stimato: 10 minuti… perché 10 minuti? Perché a capire se serve davvero a qualcosa o può entrare di diritto nella sezione inutility ci vuole qualche minuto in più del solito.

Come effettuare ricerche per parole chiave su LinkedIn (per azienda, ruolo, education)?

Se vi interessa effettuare ricerche per parole su LinkedIn, oltre al motore di ricerca interno al sito stesso potete provare anche Instant. Vi chiede di loggarvi con il vostro account LinkedIn, non si sa perché però il login sia relegato in alto a destra, visibile dopo aver cliccato l’altro link che ti fa condividere il loro stesso link alla tua rete. Astuti! Un modo elegante per farsi conoscere. È comunque interessante perché ti indica anche contatti esterni al tuo network che corrispondono alla parola chiave utilizzata. Non è precisissimo, a volte fornisce risultati che all’apparenza non significano nulla, ad esempio se cercate un web designer esce anche chi al momento non fa il web designer, ma se si va in profondità si scopre che magari la persona ha svolto il ruolo da voi ricercato in passato e quindi appare comunque. Un plus: i profili che emergono sono cliccabili e puoi andare direttamente a visitarli.

Tempo stimato per l’operazione: 1 secondo per ogni ricerca effettuata, più il tempo di visita dei profili rilevanti che appaiono per ogni ricerca.

Come connetto LinkedIn al mio Outlook?

Se vuoi importare i tuoi contatti Outlook su LinkedIn c’è Outlook Social Connector ovvero LikedIn per Outlook scaricabile qui come toolbar. A cosa serve? A scoprire maggiori informazioni sui tuoi contatti e creare la tua rete di aggiornamento. In particolare, ti permette di visualizzare le ultime attività di LinkedIn e la foto dei collegamenti che ti inviano un’email. Ti permette poi di inviare un’email direttamente ai tuoi collegamenti. In particolare, basta digitare un nome e lasciare fare il resto a Outlook Connector di LinkedIn. La cosa interessante è che puoi creare la tua rete a partire dai tuoi contatti più frequenti. Ti indica anche quali contatti potrebbero interessarti per espandere il tuo network basandosi sulla frequenza delle tue email. Per essere sempre aggiornato, puoi anche impostare la ricezione di una notifica quando qualche tuo contatto email cambia posizione lavorativa. Giusto per evitare l’imbarazzo di chiedere un’informazione a qualcuno che non lavora più in una determinata azienda. Quando un contatto ti manda un’email ti mostra anche un miniprofilo LinkedIn, cliccabile per vedere l’intero profilo ed avere informazioni interessanti con le quali ipotizzare una risposta. Funziona da Outlook 2003 in su.

Tempo stimato: almeno 30 minuti, tra una cosa e l’altra.

Come faccio a creare una firma di posta elettronica partendo da LinkedIn?

Per aggiungere la firma ai tuoi messaggi email parti dal tuo profilo LinkedIn. È possibile inserire nelle opzioni anche il link al tuo profilo professionale, ma anche inserire il link alle conoscenze in comune e i link “stiamo assumendo”, ovvero ricerca le posizioni lavorative disponibili presso la tua azienda in LinkedIn. Ha un numero di opzioni di layout piuttosto vasto e ti permette di selezionare anche un logo o un’immagine per l’azienda.

Tempo stimato: da 5 minuti a 10 minuti, a seconda di quanto siete indecisi.

Come condivido presentazioni e video su LinkedIn?

SlideShare è il metodo più semplice per condividere le presentazioni su LinkedIn. Puoi caricare e visualizzare le tue presentazioni, guardare le presentazioni dei tuoi colleghi e trovare esperti nella tua rete. Con slideshare è possibile condividere anche video. Ma la dimensione massima consentita, senza un account Pro (ovvero a pagamento) è davvero limitata. In alternativa c’è anche Google Presentation.

Tempo stimato: 3 minuti per il setup dell’app SlideShare, poi pochi minuti per caricare le proprie presentazioni

Come trovare eventi professionali, come conferenze o convegni, e ampliare la propria rete?

LinkedIn Events è un’ applicazione sia per chi vuole promuovere un evento che per chi sta cercando a quali eventi partecipare sulla base del proprio ruolo e settore d’appartenenza. Infatti, puoi creare personalmente un evento, fornendo tutte le indicazioni e i dettagli ed anche rimandando a siti web esterni a Linkedin per ulteriori dettagli. Inoltre, ti permette anche di cercare eventi interessanti sulla base del tuo network. Ciascuno, poi, avrà la possibilità di vedere le informazioni relative all’evento, ma anche di visualizzare i partecipanti e leggere i commenti. LinkedIn Events fornisce anche dei suggerimenti personalizzati a seconda dei tuoi interessi. Non dimentichiamoci che in Italia il lavoro spesso si trova per conoscenza. Se invece sei tu l’organizzatore, LinkedIn Events lo farà apparire in automatico al giusto target.

Tempo stimato: 5 minuti per la creazione di un evento su LinkedIn; pochi secondi per ricercare eventi nella propria zona. Intere giornate/serate per creare rete di conoscenze (reali) e mettere le basi per potenziali collaborazioni.

Come trovare la persona che in una determinata azienda riveste un certo ruolo?

Supponiamo che siete in cerca di lavoro e volete sapere chi lavora nel dipartimento di human resource di una determinata azienda. Vi basta inserire il ruolo e/o il dipartimento (virgola) il nome dell’azienda, ad esempio “Marketing, Microsoft” all’interno del motore di ricerca di LinkedIn. Potete anche farlo per qualifica attuale o qualifica precedente. Perché è importante? Perché avere un contatto diretto con i selezionatori o con qualcuno che lavora già dentro in azienda fornisce informazioni e feedback diretti che i siti di cerco/offro lavoro difficilmente contengono.

Tempo stimato: tanto tempo, tanto e tanto tempo. Non stancatevi mai di capire chi riveste un certo ruolo in azienda sia per avvicinarvi a potenziali clienti, sia per avere informazioni sui competitor, sia per capire di più di chi vi farà il colloquio e così via.

Come sapere quante app/siti esterni ho autorizzato ad accedere ai miei dati Linkedin?

Ultimo ma non meno importante, se non vi ricordate a quante applicazioni e siti esterni avete consentito l’accesso al vostro account LinkedIn c’è un link dove potete scoprirlo, eccolo qui. Come spiegato al link, se le rimuovi da li, le applicazioni saranno rimosse anche dalla tua home page e dalla pagina del tuo profilo. Questo impedirà ogni ulteriore accesso ai tuoi dati LinkedIn. Per rimuoverle solo dalla tua home page, visita la home page e clicca sulla “X” nella barra del titolo delle applicazioni. Per rimuoverle solo dalla pagina del tuo profilo, visita la pagina Modifica profilo e clicca sul link Rimuovi accanto al titolo dell’applicazione. Idem per i siti, se rimuovi l’accesso ai tuoi dati a quei siti, non potranno più accedere ai tuoi dati di LinkedIn. Per concedere nuovamente l’accesso in futuro, dovrai rivisitare il sito Web.

Tempo stimato: 1 minuto ad App o sito al quale volete togliere l’accesso al vostro account LinkedIn.

Altri dubbi?

Se volete comprendere anche come esportare i dati dei vostri contatti LinkedIn, oppure come effettuare ricerca di mercato gratuite su LinkedIn – ma anche come ampliare la propria rete, o sapere cosa fanno i vostri competitor – potete contattarmi, ovviamente su LinkedIn. Ma non finisce qui, perché con LinkedIn potete anche assegnare categorie alle cartelle personalizzate, aggiungere note e informazioni su specifici contatti, rivedere tutti i messaggi scambiati con un contatto nel tempo e molto altro ancora. Questi tool infatti sono in continua evoluzione e alcuni possono migliorare sensibilmente. Quelli che vi ho presentato sono solo quelli gratuiti! Adesso, però, ho anch’io un po’ di domande per voi: quali suggerimenti per essere vincenti su LinkedIn volete condividere con noi di CheFuturo? Ad esempio anche la partecipazione ai gruppi d’interesse fornisce ottime opportunità di networking: voi quali gruppi seguite? Quali sono i più interessanti nel panorama delle startup Italiane?

Non dimenticate poi di chiedere segnalazioni ai vostri contatti o ai vostri clienti che raccontino come lavorate, è un buon biglietto da visita! E se non siete ancora iscritti? Cosa aspettate?

Milano, 18 giugno 2012
SILVIA VIANELLO

  • alessio berardino

    Grazie, ottimo e utile intervento. 
    Alessio Berardino

  • http://www.ibridodigitale.com/ Matteo Piselli

    E io che pensavo di saperlo usare a fondo! In realtà più che l’utilizzo, ci hai suggerito a cosa serve veramente, è questo l’aspetto da approfondire. La maggior parte delle persone scambia LinkedIn per un CV online, invece è un prezioso strumento che serve prima, ma anche durante e dopo aver trovato lavoro.

  • http://www.facebook.com/danieleianna Daniele Iannaccone

    Bell’articolo, su linkedin ti ho chiesto un dettaglio. Riguardo i gruppi quelli, legati al digitale (ad es digital marketing, on line advertising) sono molto attivi, e spesso offrono spunti validi. Sono ovviamente anche patria di autopromozione, ma tutto sommato anche la conoscenza di aziende e servizi che nascono in questo settore ampliano il patrimonio di conoscenza.

  • Marco

    Silvia, ottimi punti.

    Utilissima la mappatuta. Ho capito per esempio perchè dovrò evitare di linkarmi a persone random.

    Una buonagiornata
    Marco

  • http://twitter.com/Eli_Vime Elisa Vimercati

    Grazie, ottimi spunti (e sono tutti gratuiti!). LinkedIn Swarm è un ottimo esempio di tag cloud, penso che la vera “essenza” del tag clouding, invece che normali etichette, sia proprio se usato in movimento. Ad ogni modo, grazie!

  • http://twitter.com/GianArb Gianluca Arbezzano

    Ottimo articolo ma io avrei una domanda su Resume di Linkedin, io ho profili in diverse lingue come faccio a decidere quale esportare? grazie!

  • http://twitter.com/michaelgiova Floyd Giova

    Ottimo articolo ed app interessanti.
    PS: per creare un pdf del CV c’è l’opzione anche sullo stesso LinkedIN. Resume Builder da maggiori opzioni di layout.

  • http://blog.wly.it William

    Ma che bell’articolo.

  • Jazzo

    Una lettura stimolante piena di spunti. Brava davvero! 

  • Pingback: 12 strumenti per potenziare LinkedIn e trovare un lavoro « ideeintransito

  • http://twitter.com/GuidoBarion Guido Barion

    Per un neofita come me di Linkedin, queste informazioni sono una manna!

    Più capisco come funziona, quale è il migliore modo di usarlo e le relative implicazioni, più mi piace.

    Ti seguirò ancora (anche in relazioni ad altri argomenti ovviamente…)

    Buona  giornata

  • Giancarlo Giovannini

    Complimenti, anche se trovo difficoltà in alcuni aspetti… Io vorrei tramite iPad inserire alcuni formati PDF nel mio spazio..

  • Giancarlo Giovannini

    Come posso salvare il curriculum in PDF sul mio iPad? Risulta impossibile…

  • http://www.prodigito.it/blog Paolo Prosperi

    Complimenti, un post veramente interessante. Voglio subito provare lo strumento per visualizzare i contatti sulla mappa. Grazie

  • Maria Laura Foglia

    Ottimo articolo! Chiaro e utile. Grazie ai link diretti inseriti nei diversi paragrafi ho potuto sperimentare immediatamente le diverse opportunità offerte da Linkedin.

  • http://twitter.com/PierCasolari Pierluigi Casolari

    Articolo interessante Silvia. Considera tuttavia che per quanto ci si giri intorno, il “core” della ricerca del lavoro su Linkedin è ancora rappresentanto dal “cv”. E questo è un tool di self-marketing. Non esiste un ente che certifica i cv, ognuno scrive quel che vuole. Anzi generalmente il cv viene modificato in base alla job description. Ovviamente comprendo le ragioni di chi cerca lavoro e le inventa tutte. Ma poi si arriva al dunque. Bel cv, l’agenzia lo passa in azienda, questi se la bevono, tu entri e non sai fare quello che ti viene richiesto. Il problema in questo caso è anche per il candidato. Perchè in certi ambienti non hai il tempo di imparare. l’azienda è in difficoltà, il neo-assunto in una situazione di stress allucinante. Il progetto non decolla. Qual’è il problema: il match tra domanda e offerta di lavoro non può ruotare intorno al cv, ma deve ruotare intorno alle competenze. Fare recruiting su Linkedin non è molto diverso da farlo su Monster. Certo c’è in più un “layer” di relazioni, che tuttavia contribuiscono all’apparenza. Su Linkedin si aggiungono contatti importanti nella speranza di acquisire un profilo più interessante. Per ogni 10 che aggiungi, 3-4 che accettano l’amicizia ci sono anche tra i top manager. Risultato? Cercare lavoro è una questione di marketing – il che andrebbe anche meno – se non fosse che trovare il lavoro  – dovrebbe anche essere una questione di competenza. Se il tuo mestiere ricercato avesse a che fare con i saperi, personalmente se fossi un agenzie utilizzerei Twitter o Quora, piuttosto che venire inondato da cv su linkedin. 

  • Valerio Dotfox Volpicelli

    Concordo con il commento di Matteo e mi congratulo

  • Pingback: Linkedin, THE social network

  • Geom Mguaita

    Silvia sei stata illuminante, lungi da me il pensare di poter fare tutto questo su LinkedIn.
    Grazie

  • http://twitter.com/ssilvia13 silvia vianello

    Grazie 10000 a tutti per i commenti! Continuate a seguirci su CheFuturo, piattaforma  innovativa  unica nel suo genere in Italia.
    Per i moltissimi impegni di lavoro di questo periodo (che “aiuto”!!! mi hanno tenuto offline in questi giorni.. incredibile ma vero), non sono riuscita questa volta a rispondere a tutti i commenti e a tutte le bellissime email che mi avete mandato.  Un pò alla volta mi rimetto in linea, promesso.
    Sto ripartendo per andare a presentare il Premio Best Practices per l’Innovazione organizzato da Confindustria, vi aspetto a Salerno il 28 e 29 Giugno, qui i dettagli http://www.premiobestpractices.it/
    e qui l’intervista dove ne parliamo!
    http://www.youtube.com/watch?v=b2_heoZT53U
    Potete seguirci anche in streaming dal sito, su Twitter su
    @PBPinnovazione e con hashtag #pbp2012
    e su Facebook:
    https://www.facebook.com/premiobestpractices

    Sarà una bella occasione per incontrarsi!
    Silvia

  • http://www.claimid.com/koolinus kOoLiNuS

    grandissimo articolo!!! 

    sicuramente lo rileggerò (ed applicherò i tip ivi contenuti) la prossima settimana … la prima da parzialmente occupato da sei anni a questa parte

  • Studio Fmuzzarelli

    Molto utile…Grazie!!

  • http://www.tresoor.it/ Simona Dell’Acqua

    Ciao Silvia, mi sono iscritta recentemente a Linkedin e vagando tra i gruppi mi sono ritrovata a leggere un tuo post e…. eccomi qua!
    Che dire? Grazie per dare informazioni utilissime in modo chiaro e preciso.
    A presto!

  • http://twitter.com/rockesteadybeat vincenzo mancini

    Ottimi tool!
    E’ molto interessante la possibilità di condurre ricerche di mercato con Linkedin. In che modo? Ci sono strumenti anche per questo?

  • http://www.jivanferrante.info/ Jivan Ferrante

    Grazie!! Belle dritte.

  • Aramis Amantini

    esiste la possibilità di embeddare del codice nelle diverse sezioni di linkedin?

  • Laura Perconti

    Salve,

    ottimo articolo: l’ho trovato molto interessante.

    Mi stuzzica particolarmente l’idea che non si debba per forza guidare l’utente nella stesura del curriculum passo passo ma che lo si possa introdurre direttamente nel concreto di esperienze alternative come quelle di questo Social Network, che arricchiscono non solo i pezzi di carta ma anche e soprattutto le persone.

    Grazie, vi seguirò senza dubbio

Altri articoli di: Silvia Vianello

Silvia Vianello
Tutto su Silvia

Potrebbero interessarti anche

in by Silvia
+
+
Impostazioni Articolo
Dimensione dei caratteri
aA
aA
aA
Sfondo:
Giorno
Notte
Testo:
Moderno
Classico
Alta leggibilità
ok