• http://www.affar.info affar.info

    veramente, per essere “sul pezzo”, l’articolo di apertura di oggi avrebbe dovuto essere dedicato ad uno dei più famosi startuppers del web, Elon Musk, tra i fondatori di PayPal (poi venduta ad eBay) ed oggi proprietario di Tesla, SolarCity e SpaceX, che questa mattina alle 10:55 ora italiana, dovrebbe lanciare con un razzo Falcon-9 il primo veicolo spaziale “commerciale” Dragon verso la stazione spaziale ISS

    • http://www.chefuturo.it/author/riccardo-luna/ Riccardo

      Come ricorderai quella storia per Chefuturo l’ha raccontata Loretta Napoleoni dieci giorni fa

      • http://www.affar.info affar.info

        sì, ho anche postato un commento in quell’articolo che era però interamente dedicato all’assurdo progetto di Planetary Resources e nel quale la storia di SpaceX (con molti limiti ma molto più concreta) veniva citata in due righe due

        comunque, oggi il razzo non è più partito a causa di un problema ad uno dei motori, quindi, potrete eventualmente parlare della storia al prossimo tentativo di lancio :)

  • http://www.ibridodigitale.com Matteo Piselli

    Lo scarso successo dell’open data ha radici più profonde e riguarda, nel caso degli Italiani, la modesta conoscenza delle potenzialità della rete nel suo insieme. In altre parole è molto difficile che una persona prenda sul serio una soluzione basata sul network, quando l’utilizzo che ne fa abitualmente è lo scambio di foto di gattini.

  • Andrea Piredda

    Condivido pienamente il pensiero di Matteo Piselli!!

  • http://alberto.cottica.net Alberto Cottica

    Io sono il solito inguaribile ottimista (e non ero a Brasilia), ma mi pare che da un anno/un anno e mezzo a questa parte il clima nel piccolo movimento open data italiano sia molto collaborativo; e, dall’insediamento dell’attuale governo in poi, anche il dialogo tra società civile e esecutivo si sia molto infittito. Il discorso vale anche per alcune Regioni ed enti locali, con cui non solo si dialoga, ma si fanno progetti: il portale open data del Comune di Firenze (splendido) ne è solo uno degli esempi.

    Apps4italy è stato seguito con generosità e passione da molte persone, dentro e fuori le istituzioni. È andato bene – non era ovvio e non è stato facile. Merita di essere un’esperienza fondativa, e ci sono tutte le condizioni perché lo sia.

  • http://Www.intraprendendo.it Alessandro

    Il progetto Open Government e le applicazioni Open data sono un altra delle opportunita’ dei nostri tempi per fare impresa, sia direttamente sfruttando le opportunita’ di gestione di questi dati, che indirettamente grazie alle opportunita’ di impresa generate dalla disponibilita’ di informazioni. Ne abbiamo parlato anche nel nostro blog http://www.intraprendendo.com/parliamone/2012/5/15/tecnologie-di-produzione-e-di-comunicazione-disponibili-alla.html

  • Pingback: Da CheFuturo.it: “Fatte le Apps4Italy, dobbiamo fare gli italiani”

  • adriano

    Fino a quando la struttura legale dello stato non cambierà, cambierà nulla.Rimarrà tutto virtuale e non nel senso di virtù.

  • Pingback: Considerazioni sul Forum PA 2012 « ilpicchioparlante

  • Pingback: Apps4Italy e open data | Wikitalia