Menu
+
Chiudi

Fatte le Apps4Italy, dobbiamo fare gli italiani

Avvocato e geek. Grazie alla felice intuizione di uno dei miei Maestri, sono riuscito a fare delle mie due passioni una professione: mi occupo di diritto delle nuove tecnologie e di innovazione nella Pubblica Amministrazione, in particolare dei profili giuridici dell’e-gov e dell’open-gov. Ne parlo nelle aule delle Università e dei Tribunali e ne scrivo sulla carta e, soprattutto, sul Web. Anche qui.

“L’Open Government sarà il più importante contributo politico della nostra generazione”. Con queste parole di Tom Delsey ancora nelle orecchie, un mese fa ritornavo in Italia da Brasilia dove si era appena concluso il primo meeting annuale di Open Government Parnership (OGP), il progetto multilaterale dedicato ad affermare in tutto il mondo i principi e i valori del governo aperto.

A Brasilia erano presenti i rappresentanti di ben 55 Paesi. Non solo governi, ma anche organizzazioni della società civile che – senza gerarchie, ma nel rispetto dei reciproci ruoli – si sono confrontati su azioni fatte e da fare. Si sono dati appuntamento nel 2013 a Londra per monitorare i progressi fatti da ciascun governo lungo la strada della trasparenza, della lotta alla corruzione, della partecipazione civica e dell’innovazione del settore pubblico.

L’open government non rappresenta quindi solo un progetto che interessa 55 Ministri e rappresentanze diplomatiche: si tratta di un tema dal quale dipende il futuro di due miliardi di persone in tutto il mondo (tanti sono gli abitanti dei Paesi aderenti a OGP). Come ha detto il segretario di stato americano Hillary Clinton nella sessione di apertura, non ha ormai più senso distinguere tra paesi del Nord e paesi del Sud del mondo: la vera distinzione è tra paesi (governi) aperti e paesi (governi) chiusi.

Da Roma a Brasilia… e ritorno

Naturalmente non basta avere chiesto di aderire a OGP per potersi considerare un paese aperto. E l’esempio dell’Italia è particolarmente calzante. Il viaggio di ritorno dal Brasile è stato lungo e, per certi versi, traumatico. Non solo per via della perdita di una valigia (cose che capitano!) o per il fuso orario (smaltito in qualche giorno), quanto piuttosto per il ritorno ad una realtà, quella del Belpaese, in cui l’open government fatica ancora ad affermarsi. Non a parole: quelle si sprecano, spesso tra addetti ai lavori che, pur bravi, si autocompiacciono dei soliti esempi e casi di studio.

Ma le parole non bastano. E se, almeno sul fronte dell’open data qualcosa sembra muoversi (tra il portale www.dati.gov.it, le Regioni pioniere e i lavori della Cabina di Regia), dal punto di vista dell’open government c’è poco o nulla. Trasparenza, lotta alla corruzione, partecipazione dei cittadini alle decisioni pubbliche e innovazioni non rappresentano un tema di discussione dell’agenda politica.

Abbiamo sempre cose più importanti a cui pensare, noi. Gli altri, invece, hanno colto l’occasione di OGP per stimolare consultazioni partecipate su questi temi portandole nelle tribù africane o nelle piazze più sperdute dei paesi dell’Est europeo. Perché se c’è la crisi economica o nel tuo villaggio non arriva l’acqua corrente, la colpa – probabilmente – è di amministratori corrotti o poco efficienti. Il Primo Ministro della Georgia lo ha detto chiaramente: otto anni di politiche di trasparenza e lotta alla corruzione hanno fatto diventare la sua Nazione il settimo paese al mondo per attrazione degli investimenti dall’estero.

In Italia, invece, l’action plan presentato per l’adesione ad OGP è stato oggetto di una consultazione svolta solo online e a cui è stata data pochissima pubblicità. E poi? Nessun atto, neanche informale, in cui il governo dice cosa succederà dopo, se – e come – terrà in conto le diverse decine di osservazioni di esperti e semplici cittadini. Non è affatto un buon modo per incentivare la partecipazione in futuro.

Ma la colpa non è (solo) del Governo

E allora? Cosa si può fare adesso? La colpa non è, certamente, solo del governo. Ma anche della società civile. Nel corso degli ultimi anni, nel nostro paese sono nate diverse realtà che si sono occupate di open data e open government ma, finora, queste realtà hanno collaborato solo sporadicamente. A Brasilia, invece, ho visto esempi virtuosi in cui il coordinamento tra i diversi soggetti della società civile (e queste e i governi) è permanente. Le associazioni vengono consultate sistematicamente prima, durante e dopo l’attuazione delle politiche e partecipano al loro monitoraggio.

In alcuni casi si autofinanziano, in altri è direttamente il Governo che gli assegna spazi fisici e strutture. In Italia, questo lavoro di squadra è stato tentato solo per il contest Apps4Italy, il concorso italiano ad applicazioni e idee basate sugli open data che si chiude proprio oggi con la premiazione nel corso della giornata conclusiva di ForumPA. Ma da domani, cosa succede? Rimarrà un episodio isolato oppure si riuscirà ad utilizzare come laboratorio per future esperienze di coordinamento sempre maggiore?

Sia chiaro: non credo a meccanismi plebiscitari in cui tutti sono d’accordo con tutti. Sono però convinto che sia necessario confrontarsi e costruire qualcosa tutti insieme, prima e indipendentemente del giro di consultazioni di questo o quel governo. Si tratta di passare da una prima fase in cui ci si è dedicati solo alla diffusione della cultura del governo aperto, ad un momento in cui queste azioni devono essere affiancati da progetti concreti.

Bisogna dimostrare che fare sistema è possibile, superando orgogli di appartenenza e tentazioni di protagonismo: è auspicabile, infatti, che in questa battaglia per l’open government siano arruolati tutti (dalle associazioni tematiche, ai cittadini, ai funzionari pubblici) e che siano in grado di stimolare le scelte delle amministrazioni e di monitorarne l’efficacia. Solo così riusciremo a portare a casa un risultato e non fare di Apps4Italy l’ennesimo caso di studio che non riuscirà a diventare sistema. Perché, effettivamente, parafrasando de Maistre, ogni popolo (chiuso) ha il governo (chiuso) che si merita.

Roma, 19 maggio 2012
ERNESTO BELISARIO

  • http://www.affar.info affar.info

    veramente, per essere “sul pezzo”, l’articolo di apertura di oggi avrebbe dovuto essere dedicato ad uno dei più famosi startuppers del web, Elon Musk, tra i fondatori di PayPal (poi venduta ad eBay) ed oggi proprietario di Tesla, SolarCity e SpaceX, che questa mattina alle 10:55 ora italiana, dovrebbe lanciare con un razzo Falcon-9 il primo veicolo spaziale “commerciale” Dragon verso la stazione spaziale ISS

    • http://www.chefuturo.it/author/riccardo-luna/ Riccardo

      Come ricorderai quella storia per Chefuturo l’ha raccontata Loretta Napoleoni dieci giorni fa

      • http://www.affar.info affar.info

        sì, ho anche postato un commento in quell’articolo che era però interamente dedicato all’assurdo progetto di Planetary Resources e nel quale la storia di SpaceX (con molti limiti ma molto più concreta) veniva citata in due righe due

        comunque, oggi il razzo non è più partito a causa di un problema ad uno dei motori, quindi, potrete eventualmente parlare della storia al prossimo tentativo di lancio :)

  • http://www.ibridodigitale.com Matteo Piselli

    Lo scarso successo dell’open data ha radici più profonde e riguarda, nel caso degli Italiani, la modesta conoscenza delle potenzialità della rete nel suo insieme. In altre parole è molto difficile che una persona prenda sul serio una soluzione basata sul network, quando l’utilizzo che ne fa abitualmente è lo scambio di foto di gattini.

  • Andrea Piredda

    Condivido pienamente il pensiero di Matteo Piselli!!

  • http://alberto.cottica.net Alberto Cottica

    Io sono il solito inguaribile ottimista (e non ero a Brasilia), ma mi pare che da un anno/un anno e mezzo a questa parte il clima nel piccolo movimento open data italiano sia molto collaborativo; e, dall’insediamento dell’attuale governo in poi, anche il dialogo tra società civile e esecutivo si sia molto infittito. Il discorso vale anche per alcune Regioni ed enti locali, con cui non solo si dialoga, ma si fanno progetti: il portale open data del Comune di Firenze (splendido) ne è solo uno degli esempi.

    Apps4italy è stato seguito con generosità e passione da molte persone, dentro e fuori le istituzioni. È andato bene – non era ovvio e non è stato facile. Merita di essere un’esperienza fondativa, e ci sono tutte le condizioni perché lo sia.

  • http://Www.intraprendendo.it Alessandro

    Il progetto Open Government e le applicazioni Open data sono un altra delle opportunita’ dei nostri tempi per fare impresa, sia direttamente sfruttando le opportunita’ di gestione di questi dati, che indirettamente grazie alle opportunita’ di impresa generate dalla disponibilita’ di informazioni. Ne abbiamo parlato anche nel nostro blog http://www.intraprendendo.com/parliamone/2012/5/15/tecnologie-di-produzione-e-di-comunicazione-disponibili-alla.html

  • Pingback: Da CheFuturo.it: “Fatte le Apps4Italy, dobbiamo fare gli italiani”

  • adriano

    Fino a quando la struttura legale dello stato non cambierà, cambierà nulla.Rimarrà tutto virtuale e non nel senso di virtù.

  • Pingback: Considerazioni sul Forum PA 2012 « ilpicchioparlante

  • Pingback: Apps4Italy e open data | Wikitalia

Altri articoli di: Ernesto Belisario

Ernesto Belisario
Tutto su Ernesto

Potrebbero interessarti anche

in by Ernesto
+
+
Impostazioni Articolo
Dimensione dei caratteri
aA
aA
aA
Sfondo:
Giorno
Notte
Testo:
Moderno
Classico
Alta leggibilità
ok