• Pingback: gabriele corbelli - gabriele parpaiola

  • Guido

    Grazie, Andrea.
    Il tuo gesto mi ha fatto sapere una cosa importante: che esistono ancora tante persone per bene, che mettono la persona davanti a tutto.
    Hai fatto una cosa bellissima e disinteressata. Se facessimo tutti qualcosa del genere ogni tanto anche il mondo forse diventerebbe migliore.
    Spero che la vita ti sorrida e che Luca riesca a far diventare grande la sua start up. Per lui e per Gabriele, ma soprattutto per noi.

    Guido

    • http://uribu.com Andrea

      Grazie Guido. Ho solo fatto quello che ritenevo più giusto. E sono felice che ci siano tante persone come te.

  • Rosaria

    Ciao, il tuo articolo è stato postato su gruppo Facebook Italian startup scene per ricordare Luca anche in quel contesto. Grazie!

  • angelo

    Ammirato e contento che esistano ancora persone nel mondo che non vogliono farsi sentire per il bene che fanno, ma che vengono ricordate solo in casi estremi che la vita gli riserva, e faccio notare che solo i VERI amici lo ricorderanno, ma nello stesso tempo molto amareggiato, per non dire altro, perché la mia domanda frequente è sempre la stessa: perché solo noi immortali che arriviamo a fatica a fine mese, aiutiamo sempre più associazioni, mentre chi di dovere (dottori scienziati e tutto il sistema che ci governa) pensa solo a riempirsi le tasche e la pancia. E oltre a questo ai giovani talenti, sia nel campo informatico, scientifico e medico, non vengono mai date le giuste possibilità di esprimere i loro progetti. Io come piccolo artigiano purtroppo non sono fiero di essere qui e rappresentare questo paese…

  • adriano

    Purtroppo il quotidiano è distratto dalla vanità.Chi lavora e si impegna senza clamore non appare,figuriamoci quando esce dalla scena.In questo caso però Gabriele è stato,in un certo senso,fortunato.Ha lasciato degli amici che hanno saputo ricordarlo e fare partecipi della sua piccola e grande storia coloro che non l’hanno conosciuto.

  • emanuelaramponi

    è stata solo una casualità, un giro webbeggiando qua e là. ho letto solo oggi, solo ora di gabriele, non l’ho conosciuto, ma oggi per un attimo l’ho amato come se lo conoscessi da sempre. grazie a chi ci ha concesso di averlo presente nei nostri pensieri…ed immaginare che ci sono angeli laici che sfiorano la crosta terrestre e poi in un sol secondo vengono risucchiati da chissà quali altre meravigliose energie.
    ciao
    emanuela

  • Pingback: In memoria di Gabriele, 31 anni, che con la sua startup voleva curare chi ha malattie irreversibili | Informare per Resistere